Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 20:53 - Lettori online 986
MODICA - 18/02/2015
Attualità - Tutto è pronto ma i cancelli restano sbarrati

Il parco di Monserrato a Modica inspiegabilmente chiuso

Un monumento allo spreco di danaro pubblico che fa ancora più rabbia in una città priva di spazi verdi Foto Corrierediragusa.it

Resta chiuso il parco di Monserrato nonostante sia attrezzato di tutto punto (foto). Ci sono le panchine, i giochi per i bambini, i cestini portarifiuti, due grandi rifugi di legno per accogliere comitive. Ci sono poi i camminamenti lungo i pendii, i percorsi che portano verso la sommità. A Monserrato è insomma tutto pronto ma il parco urbano resta nell´assoluto abbandono. La vasta area che si estende sulla omonima collina sovrastante il centro storico della città è infatti recintata da lungo tempo con tanto di rete metallica, i cancelli restano sbarrati anche se qualche visitatore"abusivo" ha fatto in modo di crearsi uno spazio per l´ingresso. Il parco è invaso da erbacce e rovi, le attrezzature per i giochi stanno andando in malora così come tutte le altre strutture che sono state realizzate grazie ad un finanziamento regionale di 932 mila euro. Cosa impedisca di aprire il parco alla pubblica fruizione non è dato sapere. Il sindaco a maggio dello scorso anno aveva assicurato che grazie alla collaborazione con la Forestale a Monserrato sarebbe stata fatta pulizia ma non si ha notizia di tutto ciò.

E´ vero invece che il parco sempre in cima ai pensieri e alle liste dei desideri sia per l´amministrazione Buscema sia per quella attuale possa essere annoverato tra le "incompiute". Il motivo resterebbe nella disponibilità di altre somme che l´impresa appaltatrice dovrebbe ricevere da Palermo per completare i lavori ma l´amministrazione potrebbe pensare sin da subito a provvedere come peraltro già annunciato ma mai concretizzato. Per il momento dunque il parco resta recintato, un monumento allo spreco di danaro pubblico che fa ancora più rabbia in una città priva di spazi verdi e dove quelli esistenti, vedi il parco suburbano di S. Giuseppe Timpuni, sono inutilizzati e inutilizzabili.