Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 684
MODICA - 13/02/2015
Attualità - Vacanza inattese: e chi sono io, Babbo Natale?

A Carnevale derattizzazione vale (a Modica)

E intanto niente sfilate, niente carri,niente concerti, niente di niente ma in fondo Modica è la città del Carnevale della Contea cantato da Serafino Amabile Guastella e va bene anche così Foto Corrierediragusa.it

E´ Carnevale ma a palazzo S. Domenico è ancora al lavoro Babbo Natale. Festa grande nelle scuole di ogni ordine e grado della città quando i dirigenti si sono visti recapitare l´ordinanza con la quale da sabato a martedì compreso è stata prevista la derattizzazione dei locali scolastici. Tre giorni di vacanza piena, oltre la domenica, per studenti, personale e docenti molto ben accolti anche perchè insperati. La prima ordinanza è arrivata per le scuole dell´obbligo visto che è il sindaco che può disporre in modo autonomo; alle rimostranze di genitori, studenti e docenti delle scuole superiori una veloce consultazione tra il sindaco e il commissario straordinario della Provincia ha risolto l´inghippo. Tutti a casa per tre giorni anche nei licei e negli istituti tecnici, una derattizzazione non si nega a nessuno, non fa male e anzi rende felice un carnevale che proprio in città ha ben poco da mettere in mostra.

Niente sfilate, niente carri,niente concerti, niente di niente ma in fondo Modica è la città del Carnevale della Contea cantato da Serafino Amabile Guastella e va bene anche così. Da sabato dunque bisogna pensare che uno stuolo di operai e personale comunale procederà con le operazioni di derattizzazione in almeno cinquanta plessi. Difficile dire come faranno nel breve volgere di una giornata a sistemare polverine e disinfestanti ma le vie della derattizzazione sono infinite. Dopo le prime vacanze forzate per la chiusura del ponte Guerrieri all´inizio dell´anno scolastico, furono cinque allora, si aggiungono i tre giorni del Carnevale e tanti saluti a programmi, interrogazioni, progetti, a giugno si vedrà. Da Babbo Natale a Re Burlone, ma la storia è seria. Meglio chiamarla con il suo nome vero, una vacanza autorizzata e che i topi ballino pure.