Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:16 - Lettori online 1124
MODICA - 11/02/2015
Attualità - Entro il 25 maggio la gara per la realizzazione

Nuovo pronto soccorso al "Maggiore" di Modica

Previsti anche altri interventi Foto Corrierediragusa.it

Il nuovo Pronto Soccorso dell´Ospedale "Maggiore" costerà 840 mila euro. Il direttore generale Maurizio Aricò (foto) ha confermato che l´Asp investirà 538 mila euro mentre il comune onorerà da parte sua un debito di 302 mila euro con la stessa azienda ospedaliera. Con queste risorse sarà bandita entro il 25 maggio la gara per la realizzazione di locali nuovi e funzionali che secondo il piano messo a punto dai tecnici dovranno essere realizzati entro maggio 2016. Aricò è entrato nei dettagli del progetto che innesta nell´attuale edificio dell´ospedale un modulo nuovo e innovativo. Di impatto, tra le altre cose, il corridoio della cosiddetta "camera calda", che all´esterno si presenterà con un stacco cromatico molto visibile. Sarà la zona tutelata da tutti i punti di vista dove arriveranno le ambulanze ed i mezzi di soccorso per avviare i malati verso le sale. Il nuovo Pronto soccorso, arredato tra l´altro con alcune opere di Giuseppe Fratantonio, avrà una differenziazione netta perchè da un lato saranno approntati i locali per le attività ambulatoriali e comunque per interventi e consulenze mediche non urgenti mentre dall´altra parte si lavorerà solo alle urgenze. Percorsi separati dunque e anche uno speciale che prevede la sala di isolamento per eventuali portatori di infezioni o patologie infettive.

Al "Maggiore" sono previsti altri interventi come il recupero dell’edificio circolare con annesso fabbricato pluripiano e area esterna (parcheggio nuovo plesso del «Maggiore») di pertinenza del presidio ospedaliero. L’area sarà destinata, a verde, a parcheggio e a corsia di manovra. Il piano terra ad archivio, cucina e locale tecnico. Il primo piano a sala pranzo, foresteria e servizi. E’ previsto un bar al secondo piano. Entro cinque mesi inoltre sarà avviato il trasferimento delle sale di ortopedia.