Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 705
MODICA - 11/02/2015
Attualità - Il piano Aro (Ambito Raccolta Ottimale) è passato dopo un lungo dibattito

Passa in consiglio il piano dei rifiuti senza la minoranza

I consiglieri di opposizione avrebbero voluto un approfondimento sui costi effettivi del servizio e sui risparmi a favore dei cittadini Foto Corrierediragusa.it

Il consiglio comunale ha detto sì al piano di intervento per la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti. Il piano Aro (Ambito Raccolta Ottimale) è passato dopo un lungo dibattito con i 16 voti della maggioranza e 9 astensioni da parte dei consiglieri di opposizione che avrebbero voluto un approfondimento sui costi effettivi del servizio e sui risparmi a favore dei cittadini. La maggioranza ha detto no e ha voluto procedere comunque. L´approvazione del consiglio dà il via alla redazione del progetto esecutivo che poi dovrà portare alla pubblicazione del bando di gara europeo sempre che la Regione mantenga l´indirizzo attuale, ovvero che siano i comuni a gestire la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti. Il piano approvato avrà una durata di sette anni, punta all´incremento sostanziale della raccolta differenziata facendola passare anno dopo anno dall´attuale 8,5 per cento, rispetto alla media degli altri comuni del 14 per cento, fino al 65 per cento. La differenziata, come hanno riferito in aula i redattori del piano, farà risparmiare per il conferimento in discarica e guadagnare per i proventi ottenuti dal conferimento di plastica, ferro, vetro e rifiuti pesanti.

Il costo annuo previsto è di 8 milioni 100 mila euro per accolta e smaltimento e di un milione 200 mila euro per il trasporto in discarica. Si tratta del costo che attualmente grava sulle casse comunali ma con il nuovo piano i risparmi per i contribuenti dovrebbero risultare dai ribassi d´asta della gara che sono ipotizzabili in almeno 500 mila euro. Ulteriori risparmi per il contribuente sono costituiti dalla premialità per i rifiuti differenziati che saranno conferiti presso isole ecologiche e piattaforme comunali da parte del cittadino. Dovranno cambiare le abitudini quotidiane dei residenti perchè, soprattutto nel centro storico, scompariranno i cassonetti, si attuerà invece il sistema del porta a porta con mezzi piccoli capaci di arrivare anche nei vicoli più lontani e inaccessibili.

Per l´amministrazione il Piano, approvato dalla Regione ed apprezzato per le innovazioni che introduce, permetterà finalmente di non procedere più con proroghe del servizio all´attuale gestore del servizio eliminando un fattore di turbativa che è stato all´attenzione anche della magistratura per i continui rinnovi. Le opposizioni, pur dichiarandosi favorevoli al Piano e pur apprezzando le relazioni dei tecnici, non sono rimaste convinte sui reali costi del servizio, sulla destinazione del personale e soprattutto sugli effettivi risparmi per i contribuenti. La loro richiesta di approfondimento e di confronto ulteriore con i tecnici non è stata accolta e questo è stato il motivo del voto di astensione sulla delibera approvata.