Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:44 - Lettori online 1271
MODICA - 29/01/2015
Attualità - Promosso dalla AIMC, è destinato agli alunni della scuola dell’obbligo di primo grado

Il concorso "Io e gli altri" in memoria di Mario Agosta

Dalla fine degli anni sessanta e fino alla morte, avvenuta nel 2003, Mario Agosta è stato sicuramente uno fra gli intellettuali e ricercatori più fortemente apprezzati in città e fuori, come testimonia tra l’altro, il suo far parte della commissione Unesco per i Diritti dei Bambini Foto Corrierediragusa.it

Ritorna il concorso intitolato alla memoria di Mario Agosta (nella foto). "Io e gli altri" è stato presentato dall´Associazione Italiana Maestri Cattolici della sezione di Modica, AIMC, ed è destinato agli alunni della scuola dell´obbligo di primo grado.

E’ un percorso di cittadinanza attiva per sollecitare i bambini della scuola dell’infanzia e gli studenti e i loro genitori e gli insegnanti a riflettere sulle buone pratiche relazionali.Scopo del premio è stimolare la cultura della Cittadinanza Attiva nei gruppi scolastici e nelle comunità parrocchiali ed educative in genere.

L’obiettivo specifico è quello di promuovere una sempre maggiore consapevolezza sulle buone pratiche per crescere con gli altri. Gli elaborati che gli alunni devono produrre sono per la scuola dell’infanzia, solo disegni; mentre gli alunni della primaria e della secondaria di primo grado possono produrre oltre ai disegni anche testi scritti e poesie.

I prodotti verranno raccolti ed esaminati da una giuria di esperti, quindi e sottoposti ulteriormente al giudizio del pubblico che, unito al responso della giuria determinerà i primi due vincitori per ogni sezione che riceveranno i premi messi in palio.

Il Concorso è intitolato alla memoria dello scrittore Mario Agosta, che accompagnò l’attività di docente - della scuola elementare e media – e di educatore singolare, sia per i suoi metodi d’insegnamento innovativi che per le sue alte doti di comunicatore, all’attività di pubblicista, saggista e scrittore di libri. Tra l’altro ebbe un particolare interesse verso il mondo fantastico, amaro, irriverente e comico di Giufà, personaggio amato da intere generazioni di bambini, ragazzi e adulti. Dalla fine degli anni sessanta e fino alla morte, avvenuta nel 2003, Mario Agosta è stato sicuramente uno fra gli intellettuali e ricercatori più fortemente apprezzati in città e fuori, come testimonia tra l’altro il suo far parte della commissione Unesco per i Diritti dei Bambini.