Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 934
MODICA - 27/01/2015
Attualità - Non si doveva pagare 3 euro e 58, ma appena 2 euro e 6 centesimi

Errore di calcolo sulla Tari a Modica

La vicenda era stata denunciata dai consiglieri comunali del Pd Giovanni Spadaro e Carmelo Cerruto. Per il Pd le somme in più introitate devono essere pagate subito Foto Corrierediragusa.it

Il comune di Modica ha ammesso un palese errore di calcolo sulla Tari (tassa dei rifiuti) per le pertinenze abitative come i garage: non si dovevano pagare 3 euro e 58 come per le abitazioni, ma solo 2 euro e 6 centesimi. I contribuenti che hanno già pagato cosa devono fare? L´ente prevede un rimborso che sarà scalato dalla prossima bolletta di quest´anno, quindi non in tempi rapidi. L´introito calcolato per tutte le pertinenze è di circa 350 mila euro, ma rifacendo i calcoli bisognerà restituire ai contribuenti il "maltolto". Non c´è davvero pace per i contribuenti che non solo si sono visti aumentare la tassa in maniera vertiginosa con l´abolizione di bonus e detrazioni varie e pagando un balzello superiore al costo stesso del servizio, come evidenziato dal consigliere comunale Ivana Castello, per giunta ora c´è scappato pure l´errore di calcolo. La vicenda era stata denunciata dai consiglieri comunali del Pd Giovanni Spadaro e Carmelo Cerruto, che, con un’interrogazione consiliare, avevano chiesto spiegazioni all’amministrazione comunale, dopo aver ricevuto diverse lamentele da parte di alcuni cittadini, ai quali dovrà quindi essere restituito il 48% circa dell’importo pagato, in riferimento, lo precisiamo, ai proprietari di garage o di altre pertinenze delle abitazioni. E se i cittadini, già alle prese con mille problemi per far quadrare i conti, non si fossero accorti dell´errore? Si sarebbero visti togliere dalle tasche soldi non dovuti al comune senza neanche rendersene conto a causa di un errore di calcolo?

Evitiamo dunque di aggiungere altro in una vicenda che si commenta da sé, auspicando che il rimborso arrivi senza complicazioni.

IL PD NON CI STA: "IL RIMBORSO VA RESTITUITO SUBITO"
Il Pd è intervenuto sulla vicenda con un comunicato in cui, tra l´altro, si legge: "Non concordiamo per nulla con la soluzione che l´Amministrazione intende perseguire ossia quella di restituire le somme percepite in più detraendole dalla tassa dovuta per il 2015. Non riteniamo per nulla corretto, né moralmente né giuridicamente, che a fronte di somme puntualmente pagate, l´amministrazione si arroghi questa sorta di diritto di ritenere somme altrui illegittimamente percepite o, dato il periodo di crisi economica, scippate dalle tasche dei cittadini.

La Tari è interamente destinata alla copertura finanziaria del servizio della raccolta dei rifiuti e vincolata ai soli costi di esso senza possibilità di altri impieghi: quindi, se la legge è stata rispettata, l´eccedenza di tassa percepita si trova per intero e immediatamente disponibile nelle casse comunali. Come Pd chiediamo pertanto che le somme percepite in più siano restituite senza dilazione alcuna ai cittadini".


senza parole
27/01/2015 | 18.13.56
Claudio

Semplicemente senza parole.
semplicemente SCHIFATO.