Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:23 - Lettori online 929
MODICA - 10/10/2014
Attualità - Per gli anni pregressi di Imu e Ici e i nuovi accertamenti per la Tarsu

Modica: 3 milioni di evasione, ma è una cifra presunta

Per il consigliere comunale "Prima di parlare di incassi certi bisognerà attendere la fine dell’iter che prevede, tra le altre cose, la facoltà di opporre ricorso da parte dei presunti evasori" Foto Corrierediragusa.it

Tre milioni di euro di evasione sono stati accertati dal comune di Modica per gli anni pregressi di Imu e Ici e i nuovi accertamenti per la Tarsu. Sarebbe una grande notizia se non fosse per il fatto che si tratta solo di una somma presunta, e non di fatto accertata, dal momento che non sono neanche partite le notifiche ai destinatari presunti evasori. E’ quanto scoperto dal consigliere comunale Ivana Castello (foto), che, pur auspicando che la lotta all’evasione possa portare questi risultati ottimi sulla carta, si chiede però come possa tale somma considerarsi acquisita se l’iter relativo all’eventuale introito decorre solo tre mesi dopo l’avvenuta notifica degli avvisi di mancato pagamento ai destinatari. La risposta a questa discrasia giunge da una oggettiva circostanza: il comune si è sbrigato ad effettuare gli accertamenti sulle evasioni per superare lo scoglio del parere negativo dei revisori dei conti sugli equilibri di bilancio. Solo così si spiega difatti come mai al 30 settembre tali accertamenti non risultavano ancora, e, soprattutto, perché non sono ancora partite da palazzo San Domenico le notifiche.

«In definitiva – dichiara il consigliere Castello – prima di parlare di 3 milioni da introitare per il mancato pagamento delle tasse da parte di cittadini «distratti» inseriti nell’elenco stilato dal comune, bisognerà attendere la fine dell’iter che prevede, tra le altre cose, la facoltà di opporre ricorso da parte dei presunti evasori, con tutte le lungaggini che ciò comporta dal punto di vista burocratico e sotto l’aspetto temporale. E’ dunque al momento corretto – conclude la Castello – parlare di previsione di somme da introitare, e non di introiti certi». Casca a fagiolo la citazione del buon Trap da ribadire a chi di dovere: «Non dire gatto se non ce l’hai nel sacco».