Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:18 - Lettori online 717
MODICA - 29/09/2014
Attualità - Sono recapitate in questi giorni agli indirizzi degli increduli destinatari

Sanzioni pesanti ma previste dalla legge

Il Comando di Polizia municipale precisa: "Nessuna caccia al contravvenzionato, anzi viene concessa una ulteriore possibilità di pagamento della contravvenzione non prevista nelle procedure dalla legge" Foto Corrierediragusa.it

Automobilisti confusi per le comunicazioni che in questi giorni vengono recapitate per multe non pagate ma, a scanso di ogni equivoco, comunque dovute, a meno dell´accoglimento di un eventuale ricorso. Tante le segnalazioni giunte alla nostra redazione per quello che si presenta come un vero raddoppio delle cifre originariamente dovute, ma che, alla luce di quanto previsto dalla normativa, e come spiegato dagli stessi addetti ai lavori, è un atto consequenziale per l´eventuale inadempienza o "dimenticanza" del contravvenzionato. Il comando della Polizia municipale che ha recapitato le comunicazione ha voluto chiarire che agli interessati è stato "ricordato" quanto da loro dovuto prima che la sanzione passi ruolo e sia gravata da ulteriori bolli, tasse e balzelli vari. Dice l´assessore ala Polizia municipale Pietro Lorefice: "A chi non ha pagato e non ha proposto ricorso e prima che la contravvenzione, in modo irreversibile, venga messa a ruolo, viene spedito al contravventore un ulteriore avviso, non previsto dalla procedura, nel quale si invita a pagare ovviamente con le cifre già maturate e spese consequenziali al fine di evitargli ulteriori aggravi.

Nessuna caccia al contravvenzionato, anzi viene concessa una ulteriore possibilità di pagamento della contravvenzione non prevista nelle procedure dalla legge. Questa è una circostanza - conclude l´assessore - che va al di là del rispetto per il cittadino».

QUELLE SANZIONI "ESAGERATE" MA PREVISTE DALLA LEGGE
Sanzioni raddoppiate e oltre. Sono quelle che in questi giorni vengono notificate a chi ha commesso infrazioni varie alle norme del Codice della strada (foto). Non è l´Agenzia delle Entrate o Riscossione Sicilia a chiedere di pagare ma il comune di Modica adottando parametri previsti dalla normativa specifica che fanno sì che si arrivi al raddoppio delle cifre dovute. Nelle cartelle notificate vengono solo indicati gli importi originari, la maggiorazione e le tasse dovute specificando inoltre che il pagamento delle sanzioni non preclude che l´Agenzia delle Entrate possa ulteriormente procedere. Succede così che una multa per divieto di sosta di 24 euro arrivi a 47 euro come importo esecutivo cui si aggiungono 13,30 euro di tasse per un totale di 60,30 euro.

E´ quindi un importo più che raddoppiato. Le comunicazioni sono inviate dal Comando di Polizia municipale ai cittadini che potranno eventualmente richiedere chiarimenti in sede. La confusione è difatti parecchia, unitamente alla preoccupazione per queste cifre non proprio trascurabili e che, sebbene dovute, incidono pesantemente sui già risicati bilanci familiari.


SANZIONI COMUNE DI MODICA
28/09/2014 | 19.04.07
CARMELO

Una precisazione per l’estensore dell’articolo, per una corretta informazione ai cittadini.
Il codice della strada all’art. 202 prevede che il pagamento di una sanzione pecuniaria, comminata per una violazione alle norme della circolazione stradale, sia pagata entro il termine di 60 giorni dalla con-testazione o notificazione, nella misura del minimo edittale stabilito per legge (divieto di sosta, minimo edittale €. 41,00 – se pagato entro 5 giorni €. 28,70), decorso il termine di 60 giorni, dovranno pagarsi €. 84,00 (pari alla metà del massimo edittale (divieto di sosta – massimo edittale €. 168,00) ed è sem-pre il codice della strada che lo prevede.
Nell’immagine relativa alla « c.d. cartella» (semplicemente avviso) riportata nell’articolo si evince chiaramente il numero del procedimento, (verbale) il numero di targa del veicolo che è stato sanziona-to, l’importo del minimo edittale (importo originale) l’importo esecutivo, metà del massimo edittale nonché le spese di notifica e di procedimento.
L’operazione che sta facendo il Comando di Polizia Municipale è semplicemente quella di «avvisare» gli automobilisti, distratti, che magari si sono dimenticati di quella sanzione, di pagare quanto dovuto, peraltro previsto dal Cds, al fine di scongiurare un’iscrizione a ruolo esattoriale con maggiorazioni ed interessi (previste per legge) e conseguente emissione di cartella esattoriale, ed ulteriore aumento dell’importo originario.
Sembra alquanto strano che nelle comunicazioni inviate, non vi siano indicati il funzionario o respon-sabile del procedimento, dato che, questi sono dati che vengono inseriti automaticamente dai gestiona-li in uso ai Comandi di Polizia.

Carmelo Di Rosa – responsabile Ufficio Verbali Polizia Provinciale Ragusa


sanzioni Comune Modica
27/09/2014 | 13.08.41
Francesco Mauceri

...Cosa fare?..
..Come poter procedere nel miglior modo possibile?..
Grazie.