Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:16 - Lettori online 1083
MODICA - 19/09/2014
Attualità - Pare che la vicenda dovesse passare sotto silenzio, ma così non è stato

La Corte dei conti sul pasticcio "esperti" a Modica

Il consiglio comunale è stato messo al corrente della situazione solo a cose fatte. Perchè? Foto Corrierediragusa.it

Sarà la Corte dei conti a dire se le determine relative ai due esperti nominati dal sindaco sono legittime. Per il momento l´atto è quindi sospeso perchè il sindaco non vuole rischiare di rimetterci di tasca sua i compensi previsti per i suoi esperti, uno in comunicazione, e l´altro in turismo. Il caso relativo all´esperto in comunicazione e in marketing è approdato in Consiglio comunale (foto) grazie ad un´interrogazione di Vito D´Antona, che tra gli altri, aveva sollevato il problema in piena estate. Il sindaco ha dovuto ammettere che le due delibere sono state per il momento sospese, i due esperti non sono pertanto pagati, perchè dovrà essere la Corte dei conti a pronunziarsi sulla possibilità del´ente di dotarsi di queste due figure, che costerebbero 68 mila euro fino a dicembre, all´interno di un comune che risulta strutturalmente deficitario. L´interrogazione ha portato alla luce degli aspetti poco chiari, come ha rilevato il consigliere di Sel, perchè il primo cittadino non ha ritenuto opportuno, innanzitutto, informare il consiglio sulle sue intenzioni di dotarsi dei due esperti e di avere tradotto la sua intenzione in un atto amministrativo e solo dopo la richiesta di Vito D´Antona in aula si è sbottonato ammettendo che l´atto è all´esame dei giudici contabili.

Un passaggio che avrebbe dovuto consumare prima di formulare la delibera di assunzione e che invece è arrivato solo dopo, quando consiglieri e opinione pubblica hanno posto l´accento sull´opportunità, prima che sulla legittimità, di procedere con l´assunzione delle due figure professionali. Anche perchè, ha ribadito ancora una volta Vito D´Antona, l´ente ha a sua disposizione personale che può svolgere queste mansioni, è in stato di pre dissesto e la normativa sugli Enti locali prevede che si possano spendere somme solo per spese essenziali. Allo stato dunque il sindaco si avvale di due esperti che non hanno alcun inquadramento giuridico ed economico e prestano la loro opera in modo gratuito.

Anche il consigliere Alessio Ruffino interviene sulla vicenda: "Nessuno vorrebbe mai violare il sacrosanto diritto tanto rivendicato dal sindaco di avvalersi di un suo staff - dice Ruffino - ma non a spese dei cittadini. Ci chiediamo come mai in consiglio comunale il segretario generale ha espressamente comunicato che le delibere sono state sospese per attendere un parere dai Revisori dei Conti a livello contabile. Il fatto lo si reputa gravissimo e lo stesso sindaco - conclude Ruffino - dovrà renderne conto non solo in consiglio, ma anche e soprattutto alla cittadinanza".