Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 18:19 - Lettori online 806
MODICA - 10/09/2014
Attualità - Protestano residenti e commercianti

Chiuso il cancelletto tra ospedale e via Sacro Cuore

Un nuovo varco è stato aperto, ma non è la stessa cosa
Foto CorrierediRagusa.it

Chiuso a tempo indeterminato il cancelletto che dal parcheggio retrostante all’ospedale «Maggiore» portava agli scalini che scendevano fino alla via Sacro Cuore (foto). La decisione è stata assunta dalla direzione sanitaria del nosocomio per motivi di sicurezza, creando però forti disagi a residenti e commercianti per i quali quel passaggio resta di vitale importanza. Difatti i residenti vedevano il varco come una preziosa scorciatoia per passare da via Sacro Cuore a Via Resistenza Partigiana e viceversa. Lo stesso vale per i commercianti, che temono ora un calo di clientela proprio per la repentina chiusura del cancelletto. Un nuovo varco è stato aperto poche decine di metri più in là, nei pressi di un noto bar pasticceria, ma non è la stessa cosa, nel senso che il nuovo sentiero è meno pratico del precedente, e per giunta pure più lungo. Insomma, per commercianti e residenti che protestano a viva voce la nuova stradina non è la soluzione ideale per sopperire alla improvvisa chiusura del varco, rimasto aperto per anni. Non è escluso che in queste ore gli interessati non procedano ad una petizione da sottoporre all’attenzione della direzione sanitaria del «Maggiore» per auspicare un dietrofront. Intanto dal varco non si passa e resta praticabile solo il nuovo passaggio, di cui però ancora in pochi sono a conoscenza.

Era stato il sindaco di Modica a chiedere all´Asp 7 di Ragusa la chiusura dell’area adibita a parcheggio di via Aldo Moro al fine di procedere alla sistemazione dell´area di pertinenza dell´ospedale priva di pavimentazione, senza contare la presunta pericolosità degli ingressi pedonali per l´accesso ai reparti della struttura ospedaliera e dei punti di entrata e di uscita della rampa di servizio, secondo il sindaco sconnessi e polverosi. Netta la risposta del manager Maurizio Aricò che aveva confermato la chiusura dell’area, precisando però l’impossibilità per l’azienda a provvedere nell’immediato al ripristino dell’area. «Al momento abbiamo altre priorità più importanti da gestire – aveva affermato Aricò – e credo proprio che l’area che l’area rimarrà chiusa ancora per molto tempo in attesa dei finanziamenti». Una richiesta improvvida, dunque quella del sindaco, che ha suscitato il malumore dei residenti e dei commercianti proprio mentre una nuova area di sosta gratuita dovrebbe essere messa a disposizione dell´utenza in parte del parcheggio dell´ex tribunale della vicina via Aldo Moro, antistante proprio il nosocomio. Della serie: i controsensi sono ormai di casa a palazzo San Domenico.