Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 2 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:30 - Lettori online 673
MODICA - 03/09/2014
Attualità - Sarà un viadotto sicuro sotto tutti i punti di vista ed adeguato alla normativa europea

Modica: ponte Guerrieri riapre il 22

Dovrà essere clemente anche il tempo, come in effetti è stato finora, perchè se ci dovessero essere giorni di pioggia le cose si complicherebbero
Foto CorrierediRagusa.it

Anas ed impresa, il gruppo Pierro di Salerno, hanno comunicato ufficialmente ieri in sede di riunione tecnica la riapertura del viadotto Guerrieri slittata da lunedì 15 al 22 (come avevamo scritto con largo anticipo su Corriere di Ragusa, ndr). C´è chi vede nell´anticipo rispetto alla data contrattuale del 15 ottobre un risultato rilevante e di grande portata. Indubbiamente lo è perchè evita alla città un altro mese di sacrifici e disagi. Il risultato è stato ottenuto grazie alla professionalità dell´impresa ed alla completa dedizione alla causa di tecnici e maestranze ma c´è anche chi vede nello slittamento di una settimana, dal 15 al 22, una mancata promessa e se ne rammarica. A palazzo S. Domenico si lavora ora per rinviare l´inizio dell´anno scolastico; interverrà il prefetto Annunziato Vardè che ha convocato per lunedì prossimo tutti i dirigenti scolastici interessati per ufficializzare, per motivi di forza maggiore, lo slittamento dell´inizio delle lezioni.

Intanto il caos viabilità è tornato a farsi sentire. Quello che la città si sarebbe attesa dall´amministrazione era l´organizzazione di un piano della viabilità alternativo alla luce dei grandi problemi causati dalla chiusura del ponte. Il piano alternativo è stato organizzato con pressappochismo, è durato per la verità solo poche settimane, poi è stato cambiato, quindi stravolto, ed infine cancellato. Come ben sanno migliaia di utenti della strada i disagi sono rimasti tutti a loro carico e poco o nulla è stato fatto per alleviarli. Il sollievo per la oramai vicina chiusura dei lavori e la soddisfazione della città per una infrastruttura a norma e resa sicura ci stanno oggi tutti così come resta il senso di superficialità nella gestione dell´emergenza.

GIORNO 22 IL PONTE RIAPRE
Il ponte Guerrieri riapre lunedì 22. Una settimana esatta di slittamento per la riapertura del viadotto che da metà giugno è sottoposto a lavori di manutenzione straordinaria. L´impresa ha già comunicato al sindaco ed all´Anas la necessità di usufruire di sette giorni in più di tempo per la messa in opera dei giunti a terra; questo sarà l´ultimo passaggio nel completamento dei lavori, costati 920 mila euro, che restituiranno un viadotto sicuro sotto tutti i punti di vista ed adeguato alla normativa europea. Lo slittamento dei lavori farà sicuramente felici gli studenti modicani che vedranno prolungate le loro vacanze fino a lunedì 22 dalla data di riapertura ufficiale delle scuole fissata in Sicilia per mercoledì 17. Non è infatti possibile ipotizzare che con la caotica viabilità creatasi con le scuole chiuse in tutta la città si possa appesantire il traffico che la apertura delle scuole comporta. E´ probabile che nei prossimi giorni il sindaco, alla luce degli sviluppi dei lavori sul viadotto, firmi un´ordinanza con la quale si dispone la prolungata chiusura delle scuole fino a lunedì 22. L´impresa conta di chiudere i lavori e sta lavorando a ritmo serrato e probabilmente utilizzerà anche festivi e prefestivi in questa ultima fase per rispettare la data ultimativa di lunedì 22.

Dovrà essere clemente anche il tempo, come in effetti è stato finora, perchè se ci dovessero essere giorni di pioggia le cose si complicherebbero. L´ultima fase dei lavori prevede innanzitutto la sistemazione delle barriere protettive lungo tutto il tracciato. Si tratta di un km e 300 metri di barriere in tutto e questo comporta un impegno non indifferente. Completata questa fase da metà della prossima settimana si passerà alla impermealizzazione della carreggiata e poi alla bitumazione. Ultimo intervento sarà il posizionamento dei giunti ed il viadotto sarà dunque pronto.

Poco più dei 90 giorni previsti ma, sottolineano i tecnici, è stato un lavoro molto impegnativo e delicato, reso possibile dalla collaborazione e dall´impegno delle due squadre che hanno operato quasi a tempo pieno, fermandosi solo le domeniche e a Ferragosto per portare a compimento l´opera nei tempi previsti. Per la città e per gli automobilisti di tutto il territorio che devono attraversare il centro storico ancora due settimane di pazienza e lunghe file come quelle che quotidianamente si registrano soprattutto in entrata dal quartiere S. Cuore verso il centro e che si sarebbero potute alleviare se solo si fosse messo in atto un piano della viabilità minimamente funzionale e credibile invece di lasciare che tutto procedesse per inerzia a discapito degli utenti della strada, come è stato da tre mesi a questa parte.