Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 739
MODICA - 02/09/2014
Attualità - Succede da oltre un mese nel cuore del centro storico

Vergognosa e pericolosa perdita di acqua a Modica

Nessuna risposta dal comune nonostante le numerose segnalazioni Foto Corrierediragusa.it

Da oltre un mese, nel cuore del centro storico della Città della Contea, patrimonio Unesco, un’ingente quanto vergognosa e pericolosa perdita d’acqua (foto) continua a manifestarsi nonostante le tante segnalazioni e i ripetuti solleciti da parte di civili cittadini. A parte l’enorme spreco del prezioso liquido che, giorno e notte ininterrottamente, scorre da tutto il vico De Naro e dall’intera scalinata dell’omonima via fin giù al corso Umberto I, occorre sottolineare un chiaro esempio di inefficienza dei servizi comunali oltre che una vera e propria violazione di legge (decreto legislativo 3 febbraio 1993, n. 29), in quanto chi ha fatto la civile segnalazione all’Urp, a distanza di un mese, non ha ancora ricevuto alcuna risposta. Per non parlare poi del costante pericolo per l’incolumità pubblica, costituito dal fondo stradale reso oltremodo viscido dal limo che in queste settimane di agosto si è ormai sedimentato, costituendo anche una fonte di proliferazione per insetti di ogni genere che rendono l’ambiente circostante abbastanza impraticabile, insalubre e quindi invivibile. Ma come si fa a non attenzionare una problematica del genere in un posto così centrale e meta di visitatori e turisti oltre che dei numerosi residenti del quartiere del S.S. Salvatore?

Per non parlare dell’immenso danno d’immagine che si è recato e si continua a recare all’intera città ed anche alle attività ivi allocate, ad iniziare da una nota e rinomata struttura ricettiva nonché ad un’altresì nota attività a scopo sociale, costrette a subire per giorni e giorni impotenti a una tale assurdità. Il Comitato per i Diritti del Cittadino, facendosi portavoce delle numerose istanze in tal senso, chiede al sindaco di far predisporre, con una certa urgenza, i necessari interventi di manutenzione volti a risolvere la triste problematica, oltre che di verificare le procedure che seguono le segnalazioni dei cittadini affinché la legge in materia venga rispettata e i servizi erogati a tempo debito.