Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 17:16 - Lettori online 907
MODICA - 28/08/2014
Attualità - Poco più di 100 mila euro per 7 edifici dopo un primo elenco di 19 e 3 milioni di euro

Dallo Sblocca Italia pochi spiccioli per le scuole di Modica

Il consigliere Tato Cavallino chiede conto e ragione al sindaco e lo invita a predisporre progetti cantierabili da subito Foto Corrierediragusa.it

Scuole sicure nessuna, scuole belle appena sei per appena 110 mila euro di finanziamento. Sono arrivati pochi spiccioli per gli interventi del decreto "Sblocca Italia" riguardante la messa in sicurezza degli edifici scolastici. In origine erano stati inclusi 19 edifici per poco più di tre milioni di euro di finanziamenti, a conti fatti le scuole ammesse sono risultate il plesso Piano del Gesù con 7mila euro, il plesso di via Denaro Papa, 16.800, la Albo, 35mila, S. Elena 7 mila, Piano del Gesù 25.200, S. Teresa 8.400, Cannizzara, 7mila. Ben poca cosa soprattutto alla luce delle aspettative che il decreto aveva alimentato. Nel decreto non figura il Palazzo degli studi (nella foto), la media S. Marta, la Ciaceri che avrebbero bisogno di urgenti interventi per non parlare degli istituti scolastici di piazzale Baden Powell.

Uno dei criteri scelti dai funzionari ministeriali è stato quello di privilegiare edifici per i quali esistevano progetti già esecutivi in modo da intervenire subito ma evidentemente questi non erano disponibili. Tato cavallino, consigliere indipendente, è intervenuto sulla questione, chiedendo al sindaco come mai Modica si è fatta trovare impreparata all´appuntamento e lo ha invitato a "porre immediatamente rimedio ad una grave mancanza , di progettualità e programmazione, realizzando un elenco generale sulle opere immediatamente cantierabili , non solo scolastiche, cercando anche se in ritardo di farle inserire nel decreto Sblocca Italia avendo così un’opportunità in più per la loro realizzazione".