Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 20:03 - Lettori online 817
MODICA - 26/08/2014
Attualità - "Blitz" del direttore generale Asp

Manager Asp 7 "detective" al pronto soccorso di Modica

Il manager ha già convocato per la prossima settimana il Collegio di Direzione Foto Corrierediragusa.it

Direttore Generale "detective". Maurizio Aricò (foto) vuole vedere e toccare fisicamente la situazione del Pronto Soccorso di Modica e allora che fa? Senza informare nessuno, sceglie un giorno inatteso, la domenica, e si presenta all’Ospedale Maggiore. Nessuno ha riconosciuto il nuovo manager dell’Asp Ragusa, Maurizio Aricò, anche perché è ancora breve il tempo del suo insediamento, quando questi, domenica scorsa, è entrato al Pronto Soccorso di Via Aldo Moro e si è seduto tra gli astanti come un normale utente, aspettando il proprio turno. Tra la gente che doveva essere curata da medici e infermieri, si è reso conto delle difficoltà cui va incontro l’utenza ma anche gli operatori sanitari. Ha potuto toccare con mano i disagi dettati da personale limitato e da locali inadeguati già da più parti segnalati. «Diciamo che si è trattato di una visita non programmata e, dunque, non annunciata – spiega il direttore generale dell’Asp. – Sapevo dei disagi della struttura ospedaliera ma volevo rendermi conto direttamente». Nessun blitz, come assicura Aricò, ma solo l’intenzione di prendere atto con consapevolezza dei problemi esistenti, delle lunghe file che devono sostenere gli utenti, del pressoché inesistente triage e dei locali assolutamente inadeguati.

Il manager ha già convocato per la prossima settimana il Collegio di Direzione, vale a dire il massimo organismo dell’azienda sanitaria composto dai capi dipartimento e dalla direzione generale, per discutere del problema Pronto Soccorso di Modica. «Dovremo valutare – precisa Maurizio Aricò – la progettualità, l’intera questione che riguarda la struttura affinché si provveda a dare dignità in tempi brevi all’importante unità operativa del nosocomio modicano».