Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 20:40 - Lettori online 1422
MODICA - 29/07/2014
Attualità - Presentato l’Ambito Raccolta Ottimale

Tasse più leggere a Modica? A parole...

La previsione di spesa annuale è di poco più di otto milioni Foto Corrierediragusa.it

Si chiama Aro, Ambito Raccolta Ottimale, e punta a rendere la bolletta dei rifiuti solidi urbani più leggera per i contribuenti ed una città più ecologica e pulita. Il progetto è stato già approvato dalla giunta e sarà presentato tra qualche giorno all´Assessorato regionale all´Energia che entro tre mesi dovrà approvare il progetto integrandolo nel Piano regionale rifiuti. L´Aro arriva in un momento molto delicato per il comune visto che si profila una crisi per il conferimento dei rifiuti a causa della chiusura della discarica di Motta S. Anastasia dove Modica conferisce ormai da quattro anni con un costo di due milioni l´anno per il solo trasporto. Una volta abbassato in modo sensibile l´ammontare dei rifiuti da conferire diminuirà di conseguenza il costo del conferimento. Ottenuto il via libera dall´assessorato l´amministrazione potrà procedere con la pubblicazione del bando europeo che prevede una spesa di 40 milioni complessivi per cinque anni.

La previsione di spesa annuale è di poco più di otto milioni tra raccolta e conferimento sulla base dei dati disponibili per il 2013 quando in città sono stati raccolti oltre 22 milioni di kg di rifiuti, di cui 20 milioni sono stati conferiti in discarica percorrendo quasi 250 km al giorno tra andata e ritorno. Grazie al piano ARO non ci saranno vantaggi solo per le casse comunali ma anche per gli utenti perchè è previsto un meccanismo premiale che concederà sconti sulla bolletta sin dal primo anno dopo l´entrata in funzione dell´Aro a chi assommerà punti per avere conferito materiali differenziabili.

Il piano prevede la suddivisione del centro storico in 22 aree, denominati "circuiti di raccolta", che copriranno le esigenze dei 18 mila residenti tra utenze domestiche e non. I cassonetti saranno itineranti e la differenziata sarà la parola d´ordine visto che grazie ad una tessera magnetica con codice identificativo l´utente potrà ottenere un beneficio sul pagamento del servizio. Al quartiere S. Cuore e le zone periferiche, dove risiedono circa 27 mila persone, il servizio sarà svolto con compattatori e piccoli automezzi, e l´impresa provvederà, in giorni ed ore determinate per la raccolta, a ritirare il rifiuto «davanti alla porta» dell’utente e a conferirlo nei luoghi di destinazione.

Il servizio di raccolta stradale sarà invece attuato con cassonetti in punti di raccolta prestabiliti e appositamente attrezzati per la raccolta differenziata. In ogni punto di raccolta saranno posizionati 5 contenitori (carta e cartone, plastica, vetro e lattine, organico umido, residuo secco differenziato).
E’ previsto inoltre un centro di raccolta comunale – isola ecologica- nel perimetro della zona artigianale di Michelica, dove sarà possibile raccogliere il rifiuto differenziato e conferire direttamente, imballaggi, rifiuti ingombranti. Altre isole ecologiche sono previste a Marina di Modica e Frigintini. Fuori dal centro storico la raccolta differenziata si effettuerà con il sistema classico con la registrazione automatica intestata all´utente. I mezzi di raccolta saranno monitorati tramite strumentazione GPS in modo da registrarne i percorsi.