Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 604
MODICA - 19/07/2014
Attualità - Parere favorevole dei revisori dei conti

Bilancio 2014 Modica: troppe tasse

Il documento di programmazione finanziaria dell’ente è passato con i 17 voti favorevoli della maggioranza ed i cinque no delle opposizioni Foto Corrierediragusa.it

Per il sindaco il bilancio 2014 è di sviluppo e di messa in sicurezza dei conti ma per l´opposizione si tratta solo di nuove tasse. Il documento di programmazione finanziaria dell´ente è passato con i 17 voti favorevoli della maggioranza ed i cinque no delle opposizioni; i revisori dei conti hanno espresso dal loro canto parere favorevole seppur con riserva rispetto ad alcune criticità rilevate. Il sindaco ha difeso a spada tratta lo schema di bilancio ed ha rilevato la necessità politica oltre che morale di dovere risanare i debiti e gli oneri contratti dalle amministrazioni precedenti. La giunta Abbate deve infatti pagare un milione e 90 mila euro per onorare il rateo del piano di riequilibrio, 3 milioni e 200 mila euro per i mutui, 1 milione e 880mila euro per il fondo di svalutazione crediti ed il fondo per lotta all’evasione per mettere in sicurezza il bilancio.

Tre milioni di euro per debiti fuori bilancio sono stati creati negli anni passati e sono onorati dall´amministrazione per mettere ulteriormente in sicurezza i conti. Sulla manovra che introduce la nuova IUC, Imposta Unica comunale, il sindaco ha parlato di necessità ma non di aumento della tassazione visto che il nuovo tributo ingloba tutti gli altri, Imu, Tari e Tasi. Il bilancio di palazzo S. Domenico è pari a 107 milioni, 648 mila euro, e soffre come tutti i comuni dei diminuiti trasferimenti dello Stato verso gli Enti locali che sono stati invece posti nella condizione di provvedere alle loro necessità. Ecco dunque perchè ci sono maggiori entrate tributarie ed extratributarie, come rilevato dal presidente dei Revisori dei conti, Anna Maria Aiello che ha anche rilevato come il Patto di stabilità è rispettato.

Sul bilancio tanti i rilievi delle opposizioni a cominciare da Carmelo Cerruto, Ivana Castello (Pd)e Vito D´Antona (Sel). Quest´ultimo in un documento ha parlato senza mezzi termini di un comune che ha aumentato tutte le tasse a cominciare dalla Tasi, stimata in bilancio per circa oltre quattro milioni di euro. Dice D´Antona: "La tassazione complessiva arriva al 10,45 per mille su un massimo del 10,60 ed inoltre la Tasi colpisce anche la prima casa di abitazione.
L’impostazione del bilancio ci preoccupa per il futuro della città e per la tenuta della situazione finanziaria.

Viene confermata una spesa non obbligatoria e discrezionale e sulla quale poteva essere effettuato, come proposto dall’opposizione, un ridimensionamento significativo.Nel campo delle entrate, l’Amministrazione Comunale, in modo azzardato e pericoloso, ha aumentato ulteriormente, fino a raggiungere la cifra complessiva di circa quattordici milioni di euro l’Imu, l’Ici e la Tarsu degli anni precedenti, a fronte di riscossioni per le stesse voci nei primi sei mesi dell’anno che non sono andate oltre il cinque per cento".