Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:45 - Lettori online 813
MODICA - 22/06/2014
Attualità - Categorico Franco Susino: "Senza il comune capoluogo non vi va da nessuna parte"

Susino: "Libero consorzio con Ragusa"

Per il primo cittadino di Scicli bisogna dunque guardare oltre, allargare i confini a tutto il siracusano per avere un maggior peso nelle sedi decisionali Foto Corrierediragusa.it

Franco Susino (foto) non è d´accordo sul Libero Consorzio del Val di Noto e boccia praticamente il progetto caldeggiato dal sindaco Ignazio Abbate. Può esistere un Consorzio Val di Noto o del Sud Est senza la presenza di Ragusa che di quel territorio è parte fortemente integrante in fatto di contiguità territoriale in termini culturali, economici, enogastronomici e infrastrutturali? - si chiede il sindaco di Scicli che aggiunge ancora una riflessione: "Le ottiche della formazione e del consolidamento dei territori guardano ad aree vaste in un processo di confronto europeo. Può avere una ragione l’esistenza di un piccolo Consorzio, che si caratterizza per la commistione di comuni alcuni dei quali sono fuori dalla storia e dalla tradizione del Sud Est o del Val di Noto? Non si è ancora compreso che la logica della coesione e di una convinta unità di intenti sugli obiettivi da raggiungere è elemento primario per dotarsi di uno strumento, quanto più ampio possibile, capace di contrattare con il resto del territorio scelte strategiche e fonti di finanziamento. La divisione e i distinguo solcano una direzione opposta. Costruisce vuoti ed inutili protagonismi e rende deboli le posizioni».

Per il sindaco Susino bisogna dunque guardare oltre, allargare i confini a tutto il siracusano per avere un maggior peso nelle sedi decisionali. Il Libero Consorzio del Val di Noto, senza Ragusa, appare a Susino asfittico. L´ultima parola, tuttavia toccherà ai cittadini che dovranno dire la loro nei referendum sulla proposta di deliberazione che i vari comuni hanno elaborato.