Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 9:19 - Lettori online 1510
MODICA - 06/06/2014
Attualità - Il presidente Giuseppe Barone invita gli associati a presentare ricorso al Tar

Sul regolamento dei "dehors" Ascom contro sindaco

L’associazione ribadisce che artigiani ed alimentari non possono somministrare pasti e bevande fuori dai locali Foto Corrierediragusa.it

Il regolamento sui "dehors" mette contro l´Ascom e l´amministrazione comunale. Il presidente Giuseppe Barone ha invitato senza mezzi termini quanti si sentono penalizzati dalla delibera sindacale a procedere alla presentazione di un ricorso presso il Tribunale amministrativo regionale visto che l´associazione non ha titolo per presentare ricorso. La sezione Ascom, tuttavia, è disponibile a fornire tutte le informazioni legate al caso. Tutto nasce dalla delibera con la quale il sindaco, non tenendo in alcun conto le osservazioni dell´associazione di categoria, che ha puntualizzato che è vietato agli artigiani ed agli esercizi di vicinato di somministrare alimenti e bevande.

E´ quanto stabilisce una recente sentenza del Consiglio di Stato che per l´Ascom è "assolutamente chiara e che non dà la possibilità di interpretazioni surrettizie, sgombrando il campo da ogni equivoco di sorta e dando torto al sindaco sulla delibera contestata. La delibera sindacale, così come è stata articolata, consente oggi a chi non ha la possibilità di somministrare pasti e bevande di installare tavoli e sedie per il consumo.

La legge prevede, rileva l´Ascom, che presso i cosiddetti generi alimentari o presso, per esempio, le pizzerie di asporto si può esercitare il consumo ma all’interno dell’azienda, magari appoggiandosi o utilizzando delle mensole predisposte allo scopo. Tutto il contrario di quanto accade in questi giorni in corso Umberto dove la corsa a tavoli e consumi fuori dai locali è pressocchè generalizzata creando di fatto una concorrenza sleale tra chi è autorizzato e chi non ne ha titolo.