Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:45 - Lettori online 940
MODICA - 09/05/2014
Attualità - La richiesta della divisione Affari generali

Il ministero vuole i documenti da Modica o sarà dissesto

Si intende conoscere l’elenco analitico del personale suddiviso per aree, l’andamento delle spese per la contrattazione integrativa e l’attestazione che è stato rispettato il vincolo della riduzione della spesa in misura proporzionale alla riduzione del personale nel frattempo realizzata Foto Corrierediragusa.it

La divisione Affari generali del Ministero dell´Interno ha chiesto ulteriore documentazione al sindaco Ignazio Abbate per arrivare all´approvazione del decreto con il quale la stessa commissione dovrà garantire la stabilità finanziaria dell´ente. La mancata approvazione da parte della commissione, infatti, farebbe precipitare l´ente di palazzo S. Domenico nello stato di dissesto nonostante gli sforzi fatti ed i documenti finanziari fin qui prodotti che evidentemente non bastano alla commissione per sancire la stabilità dell´ente. I funzionari del Ministero dell´Interno in una nota inviata al sindaco una settimana fa hanno elencato ben quindici punti che dovranno essere soddisfatti e sollecitano innanzitutto l´invio della certificazione del rispetto del patto di stabilità da parte di Palazzo S. Domenico per quanto riguarda gli ultimi due anni. L´attenzione viene poi concentrata soprattutto sui provvedimenti riguardanti il personale che resta il problema principe per palazzo S. Domenico visto che si tratta dell´onere più gravoso per il bilancio comunale.

Il ministero vuole infatti conoscere l´elenco analitico del personale suddiviso per aree, l´andamento delle spese per la contrattazione integrativa e l´attestazione che è stato rispettato il vincolo della riduzione della spesa in misura proporzionale alla riduzione del personale nel frattempo realizzata. Chiarimenti vengono inoltre chiesti sull´incidenza della spesa per il personale sulla spesa corrente e l´ammontare della spesa nei due anni precedenti. Evidente a questo punto il raffronto che il Ministero vuole fare per stabilire se c´è stata riduzione nel numero dei dipendenti sia per quanto riguarda quelli di ruolo, sia i precari sia quelli delle società partecipate. I funzionari ministeriali chiedono inoltre di conoscere dettagli sul personale posto in mobilità in questi ultimi due anni, gli eventuali servizi esternalizzati e l´attestazione delle eventuali economie di gestione realizzate.

Altro punto riguardante il personale riguarda i contrattisti di cui il ministero vuole avere il verbale riguardante il verbale di passaggio del loro status di lavoro da 12 a 30 ore settimanali. Tocca ora al dirigente della Ragioneria di concerto con l´assessore al Bilancio produrre la documentazione che dovrà rispondere a tutti i punti elencati per non mettere a repentaglio l´approvazione del piano di stabilità che manderebbe a gambe all´aria tutta la politica finanziaria del´ente ma lo farebbe soprattutto entrare nel buco nero del dissesto.

Nella foto l´ingresso di palazzo San Domenico, sede del comune di Modica