Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:18 - Lettori online 1007
MODICA - 28/04/2014
Attualità - Giornata intensa vissuta tra religiosità, devozione e folklore

FOTO - Grande festa di popolo onora il patrono S. Giorgio

Dopo sei ore di processione il simulacro è arrivato di corsa davanti alla chiesa. Poi spettacolo pirotecnico, "ballariata" e "gira" Foto Corrierediragusa.it

Non è mancata una spruzzata di pioggia all´uscita ed al rientro di S. Giorgio. E´ stata una festa nel segno della tradizione, con tanta partecipazione popolare, fatta di religiosità, di devozione e di folklore. I fazzoletti rossi dell´associazione portatori di S. Giorgio sono arrivati stremati all´appuntamento sul sagrato per lo spettacolo pirotecnico ammirato da migliaia di persone, tra cui tanti turisti, puntandogli occhi sulla colina dell´Idria. Nonostante la stanchezza e la fatica di sei ore di processione i portatori non hanno rinunciato ai "gira" tra le navate di una chiesa straripante prima di sistemare la statua del santo cavaliere sui cavalletti.

La giornata è iniziata con le due solenni funzioni religiose della mattina e del pomeriggio per dare poi spazio alla lunga processione che, come da programma, ha prima toccata i punti nevralgici di Modica Alta, S. Teresa, S. Giovanni, il Pizzo, il Collegio e la casa di Nino Baglieri per poi ridiscendere verso il centro passando per S. Margherita e palazzo S. Domenico. Obbligata la sosta davanti alla scalinata di S. Pietro dove il vice parroco ha salutato la statua ed i portatori. Poi la risalita verso la chiesa dove la gente ha atteso l´arrivo della lunga processione. Lo spettacolo pirotecnico, breve ma intenso e coloratissimo, ha dato il via al rientro in chiesa non senza "ballariate" e "gira".


Sotto, le foto della festa di San Giorgio 2014. Cliccateci sopra per ingrandirle