Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 17:16 - Lettori online 1237
MODICA - 12/04/2014
Attualità - Il sindaco ha unilateralmente deciso senza consultare la categoria

Ascom contesta spostamento Mercato antiquariato

L’appuntamento mensile con il mercato è stato spostato dalla parte finale di Corso Umberto al viale Medaglie d’oro Foto Corrierediragusa.it

L´Ascom contesta il metodo dell´amministrazione comunale nello spostamento del "Mercato dell´Antiquariato". Il presidente della sezione Ascom, Giuseppe Barone (nella foto), accompagnato dal responsabile cittadino, Gianni Iacono, e da una delegazione di operatori commerciali di via Risorgimento e di viale Medaglie d’Oro, hanno incontrato il sindaco Ignazio Abbate al quale hanno manifestato il loro disappunto. L´appuntamento mensile con il mercato è stato spostato dalla parte finale di Corso Umberto al viale Medaglie d´oro grazie ad una delibera sindacale di cui l´Ascom non ha avuto alcun riscontro se non a cose fatte.

«Non abbiamo contestato assolutamente la bontà dell´iniziativa – dice il presidente Peppe Barone – quanto, come al solito, la mancata preventiva informazione, poiché l´evento avrebbe potuto determinare la scelta da parte degli operatori di tenere aperti i loro esercizi commerciali, considerata la presenza rilevante di visitatori. I commercianti di via Risorgimento hanno presentato, invece, una istanza per la mancanza di opportuni spazi destinati alla sosta delle autovetture ed hanno evidenziato l´eccessivo flusso di mezzi che si è determinato dopo il cambio della viabilità attorno alla zona della Sorda».

Il funzionario cittadino dell’Ascom, Gianni Iacono, inoltre, ha chiesto che, a prescindere dalla bontà delle iniziative che l´Amministrazione intende avviare, si riprenda la buona abitudine istituzionale di chiedere il parere, peraltro non vincolante, delle organizzazioni di categoria riconosciute a livello nazionale o, quantomeno, che alle stesse sia fornita la possibilità di conoscere anticipatamente le decisioni e le iniziative intraprese da parte dell´Amministrazione.