Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 868
MODICA - 23/05/2008
Attualità - Modica - I lavori interessano la parte superiore di via Nazionale

Ancora traffico in tilt
al quartiere Sacro Cuore

Le strade sono diventate un vero e proprio sentiero di guerra Foto Corrierediragusa.it

Lavori a ritmo serrato ma il traffico va in tilt. Al quartiere S. Cuore si circola ormai con sensi unici istituiti in giornata. Le variazioni alla viabilità sono dettate dal piano di lavoro delle imprese che stanno mettendo in posa le tubazioni per la nuova rete idrica.

Il tratto interessato in questi giorni è la parte superiore di via Nazionale ed il blocco dell’arteria causa file e rallentamenti nel traffico soprattutto nelle ore di punta. Le code non si contano ma è soprattutto il senso della circolazione che non si coglie più nell’intero quartiere. Via S. Cuore è percorribile a tratti , via Resistenza partigiana è stata riaperta nei due sensi, via Nazionale è a singhiozzo. Ad aggravare lo stato della circolazione ci sono poi le riparazioni del fondo stradale.

Le strade sono diventate un vero e proprio sentiero di guerra visto che gli scavi per la posa dei tubi sono ricoperti in modo molto approssimativo; in alcuni casi vengono poste delle lastre di acciaio per consentire il transito in attesa di interventi che non arrivano. Non va meglio nelle campagne interessate ai lavori di posa in opera delle tubazioni Enel.

In via Michelica e a Musebbi l’impresa che deve realizzare la linea di illuminazione pubblica ha pensato bene di ammassare il materiale di risulta ai lati delle strade con evidenti pericoli per gli automobilisti. Nel corso dei lavori inoltre è stato tranciato anche un cavo lasciando i residenti al buio. Automobilisti, residenti, commercianti invocano un controllo puntuale da parte dell’ente appaltante di come sono svolti i lavori e soprattutto se vengono rispettati i termini degli appalti perché non è possibile che ognuno, pur dovendo lavorare e realizzare nuove opere, faccia il proprio comodo e lasci i siti in condizioni disastrate.