Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 12:30 - Lettori online 724
MODICA - 23/05/2008
Attualità - Modica - La Guardia di Finanza ha sequestrato l’intera zona

Falde acquifere a rischio
inquinamento nel Tellesimo

A causa dei rifiuti tossici e pericolosi depositati nella zona Foto Corrierediragusa.it

Potrebbe addirittura determinare l’inquinamento delle falde acquifere la discarica abusiva di contrada Gisirotta, nei pressi di Frigintini (nella foto). L’inquietante ipotesi è stata accertata dalla Guardia di finanza del comando provinciale, che ha posto sotto sequestro l’area nei pressi dall’alveo del torrente Tellesimo, affluente del fiume Tellaro.

A pochi passi dal corso d’acqua sono ammassati rifiuti pericolosi di ogni tipo, tra cui materiali ferrosi, scarti di cantieri edili, materiale plastico potenzialmente cancerogeno, rifiuti organici e carcasse di animali putrefatte. Tutto materiale che potrebbe mettere a repentaglio la salute pubblica con l’inquinamento delle falde acquifere e del fiume che scorre nelle immediate vicinanze, provocando danni ambientali irreparabili. Le indagini delle Fiamme gialle proseguono per addivenire ai responsabili dello scempio ambientale.

Il deposito di rifiuti speciali e tossici come quelli presenti nell’ampia area sequestrata prevede pene severe, non solo in termini pecuniari. Adesso dovrebbe spettare al comune di Modica procedere alla bonifica della zona ed al ripristino dello stato dei luoghi. Ma la disastrosa situazione economica in cui versa l’ente rende l’ipotesi piuttosto improbabile. Potrebbe quindi essere la provincia a farsi carico dell’onere.

Una cosa è certa: non bisogna perdere tempo. Come confermato dall’azione della Guardia di Finanza, l’inquinamento ambientale già in atto potrebbe degenerare. Di questa circostanza sono consapevoli gli esponenti del movimento «Una nuova prospettiva», che lunedì scorso avevano denunciato i fatti con un sopralluogo nella zona inquinata. Nino Cerruto aveva fatto rilevare come la parte superiore del guardrail che delimita la carreggiata sovrastante la vallata fosse stato divelto, quasi a rendere più agevole il lancio dei rifiuti anche dai finestrini delle auto in transito.