Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 688
MODICA - 07/02/2014
Attualità - La decisione del presidente Tamburini lascia perplesso il comitato

Tribunale: personale e fascicoli tutti a Ragusa

Ennesima presa di posizione degli avvocati sull’accorpamento Foto Corrierediragusa.it

Fascicoli e personale del tribunale di Modica sulla via di Ragusa. Il presidente del tribunale, Tamburini, ha dato disposizione per accelerare il trasferimento ed il comitato Pro tribunale non ci sta. Il comitato segnala in un documento che il percorso definito "virtuoso e costruttivo", avviato con l´interlocuzione con il Ministro e la Presidenza della Regione per il mantenimento e l´utilizzo della struttura di piazzale Scucces è stato "turbato dalla disposizione di servizio assunta dal Presidente del Tribunale di trasferire personale e fascicoli da Modica a Ragusa che da’ il senso dell’accelerazione della chiusura anziché dell’utilizzo del presidio giudiziario di Modica. Il Comitato contesta duramente tale gestione artificiosa del servizio giustizia, non improntato al risparmio e all’efficienza, incoerente e contraddittorio ed incapace di assumere responsabilità".

Il comitato ha richiesto al presidente del tribunale la convocazione della
Commissione di Manutenzione affinchè emergano, sul progetto di istituzione della sezione distaccata di Modica, le reali posizioni di tutti i soggetti in campo. perché sia chiaro a tutti chi è di ostacolo ad un «servizio di giustizia» che possa essere erogato sul territorio mediante utilizzo delle strutture esistenti e perché si spieghi la ragione, ove ce ne sia una, per la quale gli utenti del comprensorio già facenti capo al Tribunale di Modica debbano subire il trasloco da una struttura moderna, antisismica ed accogliente verso un’altra insicura ed angusta.