Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:37 - Lettori online 717
MODICA - 17/01/2014
Attualità - Doveva essere sistemata a palazzo Moncada ma l’immobile resta chiuso

Stanzetta per i libri, biblioteca comunale "cerca casa"

Si trova al secondo piano del palazzo della Cultura ma lo spazio è del tutto inadeguato. Michele Colombo (Megafono) solleva il caso Foto Corrierediragusa.it

Una stanzetta rimediata alla buona al palazzo della Cultura (nella foto). Disponibili solo libri di rapida e semplice consultazione. Niente manuali, niente emeroteca, niente saggi e libri storici. Chi vuole deve richiederli e soprattutto trovare un addetto che li vada a prelevare in uo dei depositi dove il patrimonio librario della città è stato confinato da sette anni a questa parte. Dalla chiusura del palazzo dei Mercedari per motivi di consolidamento e ristrutturazione la biblioteca comunale ha cessato di funzionare come si conviene; con schede, cataloghi, libri e spazi a disposizione. La sua destinazione è quella di palazzo Moncada nella parte alta di corso Umberto, immobile di proprietà comunale, ristrutturato e completato ormai da tre anni ma che non è stato ancora aperto al pubblico. Studenti e fruitori della biblioteca si devono dunque accontentare di quel che passa il convento ma quel che è più grave è che non ci sono al momento prospettive perchè si possa arrivare alla soluzione del problema.

Palazzo Moncada resta infatti chiuso, palazzo dei Mercedari deve essere ancora completato ed i libri intanto sono accatastati e versano in uno stato di certo non ideale. Penalizzato chi deve e ricorrere a testi in dotazione alla biblioteca comunale per ricerche studio. L´unico alternativa seria al momento resta quella della biblioteca del Liceo classico "Tommaso Campailla" ed è veramente troppo poco.

Michele Colombo, consigliere comunale di Megafono, non ci mette molto a dire che la situazione è "vergognosa" e ricorda come sei anni fa, venne predisposto una "sistemazione temporanea" e, sulla scorta di tale decisione, la biblioteca fu allocata al secondo piano del «Palazzo della Cultura», in uno "stanzino"che misura 12 metri quadrati, una vera indecenza. Non possiamo continuare a tollerare una biblioteca incredibilmente relegata in uno stanzino. L´amministrazione trovi al più presto una soluzione".