Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 13:05 - Lettori online 350
MODICA - 11/01/2014
Attualità - La denuncia è di Vito D’Antona, consigliere comunale di Sel

Esenzioni Tarsu per pensionati non applicate a Modica

I sindacati hanno chiesto un incontro al sindaco ma non hanno ricevuto risposta Foto Corrierediragusa.it

Cresce la pressione sull´amministrazione per fare chiarezza sul pagamento della Tarsu. In particolare sulle esenzioni spettanti ad alcune categorie di categorie che hanno rilevato la mancata applicazione delle esenzioni che sono previste dal regolamento comunale e che sono state già applicate negli anni passati. Dopo i sindacati che hanno sollecitato il sindaco Ignazio Abbate a fare chiarezza sulla questione è ora la volta del consigliere comunale di Sel, Vito D´Antona, a ritornare sull´argomento rilevando le anomalie segnalate da molti contribuenti. I casi riguardano le riduzioni previste dagli articoli 9, 11 e 11 bis del Regolamento comunale Tarsu, con riferimento ad abitazioni con unico occupante, abitazioni occupate da pensionati ultrasettantenni con reddito Isee inferiore a nove mila euro, abitazioni occupate da famiglie con disabili e abitazioni con famiglie con reddito Isee meno di nove mila euro.

L´amministrazione dal suo canto ha ammesso che nelle bollette recapitate possono essersi verificati degli errori ed ha invitato i cittadini a segnalare i casi. Il problema resta tuttavia nel fatto che la tassa va pagata entro il 24 di questo mese ed il tempo a disposizione per eventuali correzioni è risicato. Vito D´Antona fa notare che bisogna avere subito contezza dell’entità del fenomeno e, in secondo luogo, consentire ai i Patronati delle Organizzazioni Sindacali, dislocati nel territorio, di assumere un ruolo di filtro alle tante richieste di chiarimento, oltre ad eventuali correzioni degli importi già notificati, che provengono in questi giorni dai cittadini, evitando così le code allo sportello del Comune, con conseguente disagio per i contribuenti. Il sindaco da parte sua non ha ancora fissato alcun incontro ed ha demandato la questione agli uffici di competenza.