Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 931
MODICA - 10/01/2014
Attualità - Aveva 92 anni e per 28 aveva diretto la diocesi netina

Morto Vescovo emerito di Noto Mons. Nicolosi

Originario di Pedara (Catania), monsignor Nicolosi fu ordinato sacerdote il 22 ottobre 1944 Foto Corrierediragusa.it

E´ morto stamani il Vescovo emerito di Noto, monsignor Salvatore Nicolosi. Aveva 92 anni e per 28 aveva diretto la diocesi netina: fu nominato il 27 giugno 1970 da Papa Paolo VI. Originario di Pedara (Catania), monsignor Nicolosi fu ordinato sacerdote il 22 ottobre 1944, mentre, il 21 marzo 1963 Papa Giovanni XXIII lo nominò vescovo di Lipari e dopo sette anni si trasferì a Noto dove è rimasto sino al compimento del suo ministero episcopale. Il Vescovo di Noto Sua Eccellenza Mons. Antonio Staglianò, i Vescovi emeriti Mons. Giuseppe Malandrino e Mons. Mariano Crociata, il Presbiterio, i Diaconi e il Seminario Vescovile invitano i fedeli a partecipare o a unirsi alla Veglia di preghiera domani alle 20 e alla Celebrazione Eucaristica di suffragio, concelebrata dagli Arcivescovi e Vescovi di Sicilia, insieme ai Presbiteri e Diaconi, lunedì prossimo alle 16 sempre in Cattedrale, dove da domani mattina sarà allestita la camera ardente.

IL RICORDO DELLA CARITAS DIOCESANA DI NOTO
Abbiamo stamani appreso con grande commozione la notizia della dipartita di Mons. Salvatore Nicolosi, Padre Conciliare e per ventotto anni Vescovo di Noto. Un Padre! – è l’espressione più ricorrente con cui si sta esprimendo la riconoscenza e la consapevolezza di quanto grande è stato il suo episcopato, nell’impegno ad attuare il Concilio Vaticano II ma anche nello stile umano ed evangelico con cui ha aiutato la crescita non solo della Chiesa di Noto ma anche di questo territorio e di tante persone. Uno stile che univa autorevolezza e affabilità, un’eredità preziosa ricca di tante opere (non ultima la Fondazione Madre Teresa da lui voluta per i malati, ma non possiamo dimenticare la forte convinzione con cui appoggiò l’inizio della Casa don Puglisi a Modica in tempi difficili e tante alte opere di carità in tutti i Comuni della diocesi). Soprattutto, ha testimoniato ciò che oggi occorre di più: una autentica paternità, un servizio al Vangelo svolto con quella libertà e freschezza che ammiriamo in papa Francesco e che tante volte abbiamo potuto riscontrare in Mons. Nicolosi.

Ora insieme a tutta la Chiesa di Noto e a tanti uomini e donne di buona volontà che lo rimpiangono, lo affidiamo alla misericordia del Signore in cui ha tanto confidato. E ci impegniamo a custodire e ad attuare il suo costante e convinto invito a fare della «carità il cuore pulsante della testimonianza», come ebbe a dire nella lettera conclusiva del Secondo Sinodo diocesano. Sinodo da lui fortemente voluto per «riscoprire Gesù lungo le strade della vita», ricordando che la Chiesa è comunione, che è fatta da tutti i battezzati ed è chiamata a guardare con simpatia ogni uomo e cercare con tutti la pace e la giustizia.

Maurilio Assenza
Direttore Caritas diocesana di Noto