Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 699
MODICA - 26/12/2013
Attualità - Il piano è stato discusso con i dirigenti scolastici interessati

Piano scuola dell´obbligo: a Modica 5 nuovi istituti

Ognuno avrà circa mille studenti. Un unico istituto comprensivo per Frigintini e zone rurali. Nel centro storico Ciaceri e S. Marta insieme Foto Corrierediragusa.it

Cinque nuovi istituti da mille studenti ciascuno. L´amministrazione ha pianificato l´organizzazione della scuola dell´obbligo per il prossimo anno scolastico a conclusione di una serie di riunioni tenute con i dirigenti scolastici degli istituti interessati. La geografia scolastica è stata dunque ridisegnata partendo dalla necessità di assicurare ad ogni istituto un minimo di mille studenti per evitare il rischio accorpamenti da parte dell´Ufficio scolastico regionale.

L´amministrazione proporrà dunque il nuovo assetto sulla base delle indicazioni avute dai dirigenti e delle necessità logistiche soprattutto per tutelare i plessi rurali. Il nuovo piano prevede un unico istituto nel centro storico che va dalla primaria alla media per un totale di 1160 alunni. Le due attuali scuole, Ciaceri e S. Marta, saranno infatti accorpate. A Modica Alta funzionerà un solo istituto, "De Amicis", scorporando l´attuale ed innaturale succursale della media "Amore" di Frigintini. La frazione di Frigintini ingloberà tutte le scuole rurali sparse per le varie contrade sotto la dirigenza della scuola Amore per un totale di 1.041 alunni. Vi confluiranno i plessi di S. Elena, Cozzo Rotondo e Trapani-Rocciola. Due gli istituti previsti al quartiere S. Cuore. Si realizzerà un unico polo accorpando l´elementare Giacomo Albo e la media Giovanni XXIII ed inoltre la scuola dell´infanzia di via S. Cuore e di via Risorgimento. In totale sono 1328 alunni. Sempre al S. Cuore è previsto un secondo istituto che vede insieme la Media Falcone e l´elementare Poidomani come già avviato nel corso di quest´anno scolastico. Vi si aggiungeranno le classi dell´Infanzia di Zappulla, Treppiedi sud e nord, via Risorgimento, Torre Cannata e Pirato per un totale di 1292 alunni.

L´amministrazione conta così di razionalizzare i costi del trasporto alunni e soprattutto di risparmiare sui costi dei fitti di alcuni plessi visto che alcune classi sarebbero ospitate in locali già disponibili e di proprietà comunale. Dice il sindaco Ignazio Abbate: "Si tratta di una proposta razionale, che rispetta il territorio e le varie realtà. Viene anche incontro alle famiglie e soprattutto ci farà risparmiare sul pesante costo del trasporto. Ci attendiamo che l´Ufficio scolastico provinciale assecondi questa scelta che rispetta anche le aspettative del mondo della scuola locale".