Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:44 - Lettori online 1225
MODICA - 18/12/2013
Attualità - Il reparto sarà ristrutturato con 3 moderne sale operatorie

700mila euro per Ortopedia "Maggiore"

Con tanto di percorsi ottimizzati secondo gli standard medici di ultima concezione Foto Corrierediragusa.it

Un finanziamento di 700mila euro è stato stanziato per la radicale ristrutturazione delle sale operatorie di ortopedia del «Maggiore». Grazie a questi fondi l’ospedale potrà contare a breve su tre modernissime sale operatorie all’avanguardia della tecnica chirurgica, con tanto di percorsi ottimizzati secondo gli standard medici di ultima concezione. E’ questa la novità saliente che caratterizza la chiusura d’anno dell’ospedale modicano, il cui direttore sanitario Piero Bonomo si riserva di tracciare un bilancio analitico che renderà noto entro la fine del prossimo gennaio. Un bilancio che si annuncia comunque confortante, per quanto lo possa essere dopo la mannaia calata sulla sanità siciliana, che, nel solo ospedale «Maggiore», ha fatto diminuire da 400 a 145 i posti letto disponibili, carenza colmata con le nuove tecniche ospedaliere che rendono meno lunga la degenza. Un ospedale, che, nonostante si sia visto ridurre drasticamente i posti letto, si è paradossalmente raddoppiato su due strutture, con l’ala nuova attigua che ha comportato il raddoppio delle distanze percorse da medici e operatori sanitari, nonché il consumo energetico e l’allungamento della tempistica per passare da un padiglione a un altro.

Un’ala nuova, che, nei fatti, non serviva più, rispetto al progetto originario piuttosto datato, anche e soprattutto alla luce dell’ultima riforma sanitaria. Un’ala nuova che, pur essendo del tutto operativa, non è mai stata inaugurata, a quanto pare su decisione dell’allora manager Asp Ettore Gilotta, che non ha mai reso pubblico questo suo punto di vista. La nuova struttura ospita di fatto tutti i reparti dell’ala medica: nefrologia e dialisi, medicina, geriatria, centro trasfusionale cardiologia, laboratorio analisi e radiologia. Nella struttura vecchia resta allogata l’ala chirurgica, compreso il reparto di ortopedia, che, come accennato, sarà a breve ristrutturato con il finanziamento di 700mila euro, mantenendo su standard elevati uno dei fiori all’occhiello dell’ospedale modicano.