Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:39 - Lettori online 725
MODICA - 06/11/2013
Attualità - Il protocollo con le imprese agricole voluto dal sindaco suscita polemiche

Cna Modica: "Manutenzione strade vada ad imprese edili"

L’associazione ha scritto al sindaco ed ha ribadito che la scelta operata è dannosa e penalizzante per le imprese edili locali

Cna in difesa della categoria. E´ la manutenzione di cigli e banchine delle strade comunali a mettere contro l´associazione di categoria contro il sindaco Ignazio Abbate. L´amministrazione comunale ha infatti sottoscritto un protocollo di intesa con tre associazioni di categoria di imprese agricole per la manutenzione ordinaria di cigli, banchine e relitti stradali di proprietà e pertinenza comunale. L´idea del sindaco è quella di accelerare al massimo i tempi evitando i tempi delle gare vista l´urgenza degli interventi, peraltro richiesta a con insistenza da quanti risiedono nelle zone interessate.

Dice il presidente territoriale Giovanni Colombo: "Dal protocollo sottoscritto si evince che le associazioni di categoria assumono impegno a fornire al Comune un pacchetto di imprese agricole disponibili a stipulare i contratti d’appalto. Noi riteniamo che la manutenzione stradale non si collochi facilmente nella categoria della promozione delle produzioni locali, né tantomeno in quella della tutela del paesaggio agrario e forestale, ma appartenga piuttosto all’attività imprenditoriale propria delle imprese edili già in forte difficoltà economica per la riduzione delle commesse di lavoro privato e per la carenza di lavori pubblici di piccola o media entità". L´associazione ha scritto al sindaco ed ha ribadito che la scelta operata è dannosa e penalizzante per le imprese edili locali.

La Cna ha chiesto un incontro urgente sull´argomento ed ha sottolineato come le imprese nel loro certificato camerale hanno inserito la voce relativa ai lavori stradali spendendo soldi e tempo e lo hanno fatto per partecipare alle varie gare. Ma in questo caso risulterebbe tutto inutile in quanto le stesse sarebbero affidate direttamente alle imprese agricole in forza di protocolli non condivisi e sicuramente discutibili.