Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 0:33 - Lettori online 772
MODICA - 06/05/2008
Attualità - Modica - Rivangato un periodo di lotte ma anche di conquiste

Modica: Convegno sul ´68 e Nanè Criscione

Organizzato dalla università di Catania, dall’istituto di storia contemporanea e dal cenacolo Bonhoeffer Foto Corrierediragusa.it

Un periodo di lotte ma anche di conquiste. Il 68’ in provincia e specificatamente in città coinvolge studenti, universitari, intellettuali, movimenti cattolici e non. Il dibattito in città è sempre aperto e luogo di confronto sono gli incontri delle settimane teologiche alla Domus Petri con testimoni del tempo.

Tra questi ci sono tanti professionisti di oggi che hanno ricordato nel convegno tenuto proprio alla Domus la figura di Nanè Criscione, passato dalla sua esperienza universitaria a quella della partecipazione civile e politica alla testimonianza di intellettuale quando agli inizi degli anni 70’ si trasferisce a Milano.

Il convegno organizzato dalla università di Catania, dall’istituto di storia contemporanea, dal centro studi Tossito e dal cenacolo Bonhoeffer, è stato il primo momento di una riflessione su anni difficili che Gianni Perotta dell’Università di Torino, ha voluto anche indicare non solo come rivolta contro il passato ma anche, se non soprattutto, come anni di conquiste.

Tra queste l’abbassamento della maggiore età a 18 anni, l’eliminazione delle barriere per l’accesso all’università, lo statuto dei lavoratori. Traguardi che il docente ha voluto indicare ai tanti giovani presenti in sala che si interrogano sul senso del 68’.

Di Nanè Criscione Giuseppe Barone e Don Carmelo Lorefice hanno sottolineato la passione intellettuale e civile, il suo impegno politico che si è anche estrinsecato nella pubblicazione del libro « Il 68’ in provincia di Ragusa». Giuseppe Barone da storico ha ricostruito la genesi di quegli anni ed il passaggio da un modello ormai inadeguato di società ad una più aperta e pronta a raccogliere la sfida lanciata dai giovani.