Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 701
MODICA - 23/10/2013
Attualità - Si trattava di ben 5 milioni 162 mila euro

Annullata sanzione per sforamento patto stabilità Modica

Su decisione della Direzione centrale della Finanza Locale del Ministero dell’Interno e della Ragioneria Centrale

E´ ufficiale. La Direzione centrale della Finanza Locale del Ministero dell´Interno e la Ragioneria Centrale dello Stato hanno annullato la sanzione di 5 milioni 162 mila euro che era stata imposta per lo sforamento del Patto di stabilità del 2012. Rispetto alle informazioni arrivate negli scorsi giorni si è avuta la conferma che la sanzione è stata annullata totalmente e tutti i trasferimenti dovuti a palazzo S. Domenico arriveranno regolarmente. La prima tranche è stata, tra l´altro accreditata per un importo di 2 milioni 600 mila euro e la seconda è in itinere per un totale di 800mila euro. Nel corso dei prossimi mesi, presumibilmente entro l´anno, il resto dei trasferimenti dovuti saranno accreditati. L´annullamento della sanzione in via ufficiale consente all´amministrazione di portare in consiglio il Bilancio 2013 la cui bozza è stata già approvata dalla giunta. La decisione della competente divisione del Ministero dell´Interno è arrivata a seguito dell´accoglimento del ricorso presentato al Tar del Lazio da Antonio Barone, amministrativista, cui l´amministrazione si era rivolta.

Il ricorso del legale ha puntato innanzitutto sulla sentenza N° 219 del 2013 della Corte Costituzionale con la quale viene stabilito che la sanzione prevista per lo sforamento del Patto di Stabilità non può essere applicata ai comuni facenti parte delle Regioni a Statuto speciale. Anche gli altri comuni siciliani che erano stati raggiunti dalla sanzione applicata dal Ministero sono stati dunque "graziati" così come avvenuto per Modica.

Le buone notizie per l´amministrazione di palazzo S. Domenico non si fermano comunque qui. Perchè dopo il primo accreditamento di 20 milioni di euro quale prestito trentennale a costo zero erogato dallo Stato a favore dei comuni in difficoltà economiche, il cosiddetto "salvadebiti", entro fine mese dovrebbe essere accreditata l´altra tranche da 20 milioni di euro a completamento della somma erogata. Grazie alle somme disponibili l´amministrazione ha potuto far fronte a tutta una serie di creditori e soprattutto mettere ordine nel pagamento degli emolumenti ai suoi dipendenti. Con le somme disponibili inoltre si punta ad azzerare il debito con Enel, Ato e Comune di Scicli per il pagamento dell´ utilizzo della discarica di S. Biagio. Solo con l´Enel ci sono ben 14 milioni di euro da pagare. E´ la transazione per i consumi non pagati nell´arco di un decennio alla cui determinazione si è arrivati dopo una lunga trattativa con i legali della società.