Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 2 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:28 - Lettori online 1334
MODICA - 15/10/2013
Attualità - La storia infinita del bando europeo per la gestione del servizio che è stato bocciato

Raccolta rifiuti Modica con proroghe (illegali)

Si è al punto di partenza nonostante due amministrazioni, negli ultimi quattro anni, ci abbiano lavorato ed annunciato che ormai era una cosa fatta
Foto CorrierediRagusa.it

Una storia infinita. Il nuovo bando per la raccolta dei rifiuti solidi urbani e la differenziata eredita questo "riconoscimento" dalla variante al Piano regolatore che è stata ormai adottata ed è entrata in vigore. Per il bando della raccolta rifiuti si è invece al punto di partenza nonostante due amministrazioni, negli ultimi quattro anni, ci abbiano lavorato ed annunciato che ormai era una cosa fatta, o quasi. Nel frattempo si è andato avanti con le proroghe alla ditta Puccia per motivi di forza maggiore, anche se palesemente in contrasto cn quanto previsto dalla legge in una materia delicata come questa, e raccogliere l´immondizia in città costa a palazzo S. Domenico 400mila euro al mese cui si devono aggiungere gli oneri del conferimento alla discarica di Motta S. Anastasia. Nel settembre dello scorso anno il consiglio comunale licenziò il nuovo bando europeo e trasmise gli atti alla Regione ed all´Ato Ambiente perchè fosse approvato e pubblicato. Nel frattempo gli Ato sono stati commissariati e la normativa è cambiata e come se non bastasse la Regione ha bocciata il bando che il consiglio comunale aveva approvato.

La notizia è arrivata sul tavolo del sindaco, Ignazio Abbate, appena qualche giorno dopo dal suo insediamento. "Il bando non era in linea con i requisiti richiesti dalla Regione. Molte norme erano state disattese". Abbate sta sulle generali e non approfondisce ma due consiglieri comunali Pd, l´ex assessore all´ecologia, Giovanni Spadaro e Carmelo Cerruto, chiedono conto e ragione ad Abbate del perchè il bando è stato bocciato: "Il sindaco ci dica perchè il competente ufficio regionale ha rigettato il progetto e quali elementi di difformità vi siano rispetto alle "Linee guida rifiuti" della Regione. Il progetto fu protocollato presso la Regione nei primi giorni di maggio ed era tenuto a comunicare le risultanze entro 60 giorni". Il sindaco nel frattempo ha tagliato corto ed ha bandito un ulteriore bando per un nuovo progetto dopo avere accertato che in sede comunale non c´erano le competenze necessarie. A fine settembre 14 progetti sono stati presentati e l´amministrazione dovrà ora scegliere a chi affidare la gestione del servizio.

La nuova gara è costata 25mila euro ma, precisa Abbate: "Al comune non costerà niente perchè è stato previsto che la somma sarà a carico di chi si aggiudicherà la gara". Il progetto è di durata quinquennale e prevede un costo di cinque milioni l´euro l´anno. Per il sindaco l´affidamento sarà cosa fatta a fine anno. "Con il nuovo sistema risparmieremo e soprattutto potremo garantire servizi come la differenziata diffusa in molte zone della città e la costituzione delle isole ecologiche per eliminare il triste ed oneroso fenomeno delle discariche abusive".