Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:29 - Lettori online 815
MODICA - 14/10/2013
Attualità - Situazione ai limiti del sostenibile

Perdite idriche in aumento, riparazioni in netto calo

La lista di attesa è dunque composta da centinaia di persone Foto Corrierediragusa.it

Perdite in aumento ed interventi di manutenzione in diminuzione. Con queste premesse è ovvio che vedere una squadra della Servizi per Modica intervenire per tamponare una perdita d´acqua sia un evento o quasi. Ammette candidamente l´amministratore della Spm, Antonio Guastella: "Con il personale ed i mezzi a disposizione riusciamo a garantire un intervento al giorno; se si tratta di piccole perdite anche due". La lista di attesa è dunque composta da centinaia di persone che nel corso degli ultimi mesi hanno segnalato perdite al comando dei Vigili, all´Ufficio relazioni col pubblico ed alla stessa Spm. Migliaia di litri di acqua si perdono così ogni giorno da Marina di Modica a Modica Alta, da Frigintini a Pozzo Cassero. Secondo i dati della SpM le perdite d´acqua negli ultimi mesi sono aumentate del trenta per cento e soprattutto l´emergenza riguarda il centro storico.

Il motivo risiede nella fatiscenza di tutta la rete idrica che serve Modica Alta, il centro ed il quartiere Dente mentre le cose vanno meglio al quartiere S. Cuore dove da due anni a questa parte è entrata in funzione la nuova rete. Le perdite non riguardano solo i privati ma soprattutto le strade dove il passaggio delle automobili, e soprattutto dei mezzi pesanti, scava avvallamenti che portano all´apertura di falle spesso molto consistenti. Con l´arrivo della stagione invernale e delle piogge la situazione non potrà che peggiorare e lo stesso amministratore della SpM fa una previsione che non ha niente di positivo. "Se non si provvede a migliorare la conduttura pubblica le perdite sono destinate ad aumentare perchè gli anni passano ed i tubi diventano sempre più vecchi". La SpM dal suo canto non può fare di più perchè con i tagli imposti dal bilancio, che ha dimezzato i trasferimenti a favore della società, l´orario del personale è stato ridotto in modo consistente, quasi il quaranta per cento, e tutto questo si traduce nell´impossibilità di organizzare altre due o tre squadre di pronto intervento.

Questo è il motivo per il quale l´amministrazione Abbate, che delle manutenzioni ha fatto un cavallo di battaglia in campagna elettorale, ha deciso di correre ai ripari dando in appalto i lavori per la rete idrica. La città è stata divisa in tre grandi zone e per ognuna di queste sono stati assegnati quaranta mila euro per gli interventi manutentivi. L´affidamento alle imprese dovrebbe essere ormai questione di giorni ma è sempre più evidente che oltre alla manutenzioni e tappare le perdite bisogna subito pensare in grande, ovvero trovare i finanziamenti per dotarsi di una rete idrica moderna, degna di tal nome.