Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 2 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:28 - Lettori online 1465
MODICA - 03/10/2007
Attualità - Modica - Colpo di scena nell’assemblea cittadina dell’Udc

"Il piano del traffico non va"
Drago sbugiarda Aprile, pronto
a dimettersi da assessore

Anche il sindaco Piero Torchi si trova nel guado Foto Corrierediragusa.it

Tutti d’accordo sul nuovo piano del traffico, meno uno. E’ Peppe Drago (nella foto) che gela amministratori, consiglieri ed iscritti a conclusione dei lavori del comitato cittadino dell’Udc. La riunione era stata convocata per discutere del piano del traffico e della nuova situazione politica creatasi a palazzo S. Domenico con la fuoriuscita di Riccardo Minardo e del suo gruppo da Forza Italia e la confluenza nel gruppo Mpa.

I consiglieri hanno fatto coraggio all’assessore Giorgio Aprile incoraggiandolo ad andare avanti anche alla luce dei miglioramenti nella viabilità cittadina; lo stesso Giorgio Aprile ha illustrato il suo rapporto sul traffico con dati e rilievi alla mano, Piero Torchi ha ricordato che il traffico era una delle priorità del programma elettorale e che il nuovo piano è stato introdotto gradatamente ed in via sperimentale.

Quando Peppe Drago ha preso la parola tutti si sarebbero attesi un plauso a sindaco ed assessore alla luce di quanto scaturito nel corso del direttivo ma il leader Udc ha preso subito le distanze. « Dobbiamo stare molto attenti agli umori della città, riflettere, non è detto che non si possa tornare indietro anche perché il piano è sperimentale e nulla vieta un passo indietro». Drago ha anche manifestato perplessità sulla bontà del piano del traffico ma non ha dato ultimatum lasciando tutte le porte aperte tra lo stupore ed il disappunto di sindaco ed assessore in primo luogo.

Tutto da verificare cosa farà ora l’assessore Aprile che ha confidato ai suoi più stretti collaboratori di essere pronto a rimettere la delega se il piano dovesse essere ritirato o modificato sostanzialmente. Anche il sindaco si trova in mezzo al guado; il suo leader ha messo in discussione uno dei provvedimenti più significativi di questo inizio legislatura e ora deve dare una risposta agli interrogativi posti da Drago.