Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 685
MODICA - 25/08/2013
Attualità - Per l’amministratore della Spm, Antonio Guastella, il disservizio causato maltempo

Il depuratore di Fiumara è efficiente, ci sarà nuova vasca

Per Guastella le critiche della Uiltec sono dovute solo all’introduzione della cassa integrazione per i sette dipendenti Foto Corrierediragusa.it

Il depuratore della Fiumara funziona. L´amministratore delegato della Servizi per Modica, SpM, Antonio Guastella (nella foto), ha fatto il punto della situazione nel corso di una riunione tenuta ieri proprio sul sito insieme ai tecnici, il direttore tecnico Orazio Vindigni ed il responsabile del settore Giovanni Pluchino. Ognuno ha relazionato per la sua parte ed ha confortato l´amministratore dopo la presa di posizione dell´Uiltec che ha denunciato il non perfetto funzionamento dell´impianto ed i gravi rischi che corrono gli addetti al servizio.

Antonio Guastella non ci sta e rimanda la palla nel campo del sindacato: "Il problema è loro e nasce dal fatto che il sindacato non ha gradito la decisione dell´amministrazione di ridurre al quaranta per cento l´orario di lavoro dei sette addetti. E´ una decisione che abbiamo dovuto prendere per via dei tagli nel trasferimento dei fondi assegnati alla SpM. Non vedo altri motivi nella denuncia del sindacato perchè al depuratore della Fiumara è tutto in ordine". Antonio Guastella è anche confortato dal rapporto che l´Arpa ha notificato a palazzo S. Domenico alla luce degli ultimi esami sui campioni prelevati nella vasca dell´impianto. I controlli dicono che i parametri sono a norma ed il paventato sversamento di acque reflue nel torrente Modica Scicli di acque non depurate non ha ragione di esistere.

Dice ancora Antonio Guastella: "E´ vero che solo nel giorno in cui c´è stato un acquazzone violento in città il livello dell´acqua nella vasca si è innalzato e qualcosa è fuoriuscito ma questa circostanza si è verificata per un fatto eccezionale che non è affatto dovuto al cattivo funzionamento dell´impianto. Come società abbiamo anche provveduto nelle scorse settimane, in tempi non sospetti, al vaccino degli addetti all´impianto per cui non si può parlare di rischio per i dipendenti".

Antonio Guastella ha incontrato il sindaco Ignazio Abbate al termine della riunione tecnica ed il primo cittadino ha confermato quanto era stato anticipato. L´amministrazione ha infatti provveduto a stanziare una somma per costruire un´altra vasca di sedimentazione proprio per ovviare ad un eventuale problema di troppo pieno. "Siamo molto attenti al funzionamento del depuratore -dice ancora l´amministratore della SpM - Ci rendiamo conto che è un servizio di primaria importanza per la città e per tutto l´ambiente circostante. Tecnici e personale sono sempre sul chi vive e non è giusto che si lancino allarmi ingiustificati. Capisco che si debbano difendere le ragioni dei lavoratori ma i problemi del sindacato non possono essere quelli della società e dell´amministrazione".