Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:31 - Lettori online 1330
MODICA - 24/04/2008
Attualità - Modica - Il patron di Eurochocolate al Chocovillage

"Non tutte le Kanne vanno in fumo": parola di Guarducci!

Grande affluenza di pubblico per la dolce kermesse Foto Corrierediragusa.it

Eugenio Guarducci (nella foto) dirige le operazioni di Eurochocolate. Curiosità per la « Kanna» al gusto di crema di cannella con l’irriverente slogan « Non tutte le Kanna vanno in fumo» e il chocofrizzy, barretta di cioccolatto frizzante per i più piccoli.

Al palazzo della cultura la compagnia del Piccolo Teatro con Marcello Sarta ha presentato ad alcune classi delle scuole elementari le fiabe tutte ispirate al cioccolato.

Nell’androne del palazzo mostra di Nino Lombardo con foto elaborate al computer dei più attraenti paesaggi della città molto ammirate da visitatori italiani e stranieri. Sempre a palazzo della cultura si sono aperti i laboratori del gusto per l’abbinamento tra marsala, passito e cioccolato modicano.

La cooperativa Quetzal è presente con i suoi stand e con la barretta Mancho prodotta con manna e cacao. L’appuntamento culturale è con il libro « I Gattopardi, passioni, misteri ed intrighi dell’aristocrazia di Sicilia» che sarà presentato domani alle 18 al palazzo della cultura.

Si tratta di un libro che riporta la lista della spesa di donna Sanca Ximenes de Cabrera che raccomandava ai suoi servitori di approviggionarsi in provincia di Ragusa. Se per la carne l’indirizzo giusto era Chiaramonte per i dolci ed il cioccolato Modica era anche nel ?800’ la preferita, riferisce l’autore Salvatore Spoto. « soprattutto nei conventi l’attività dolciaria era intensa da costringere le autorità religiose a richiamare le monache ai loro doveri diffidandole dal preferire la preparazione ed il consumo dei dolci alle preghiere».