Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 12:04 - Lettori online 655
MODICA - 03/08/2013
Attualità - Per il recupero dei due immobili spesi oltre tre milioni nel corso degli anni

"Carmine" e "Floridia" ancora chiusi a Modica. Perchè?

Il monumento medievale non è visitabile, il "Floridia" rimane inutilizzato

Porte sbarrate. L´auditorium Floridia ed il Convento del Carmine, entrambi parte e testimonianze dello stesso complesso monumentale, restano chiusi al pubblico accomunati dallo stesso destino, seppur per ragioni diverse. Una vicenda che trova il suo fondamento in una burocrazia lenta ed in scelte errate in origine e che ora si rivelano tali. I due immobili affacciano su piazza Matteotti ed il loro recupero è costato circa tre milioni di euro; il restauro dell´auditorium, ex cinema Moderno, si colloca come idea e poi come progetto negli anni 90´. Dopo 22 anni la restituzione alla città ma solo per qualche mese, non senza polemiche e con qualche violazione visto che è stato aperto per qualche manifestazione senza il collaudo. L´auditorium è stato concesso ad una associazione culturale lo scorso inverno per un cineforum. Poi ancora chiusura nonostante ci sia un bando per l´affidamento quinquennale per 18 mila euro grazie ad una delibera della giunta Buscema ma che non è andato mai avanti, come denuncia, peraltro, l´associazione Cittadini Liberi. Adiacente all´auditorium, il convento del Carmine, di cui il Campailla era l´annessa chiesa.

In origine caserma dei carabinieri, poi ristrutturato con fondi della provincia, proprietaria dell´immobile ed ancora chiuso a due anni dal completamento dei lavori. Il sito, di raro fascino e grande bellezza architettonica, testimonianza di architettura medievale e tardo gotica, è stato destinato a presidio ed alloggio per i Carabinieri, intenzionati a ritornare in centro. Soluzione non proprio ideale per una piena fruizione e valorizzazione del sito e sulla quale si è articolato un dibattito in città. Una discussione accademica, almeno finora, perchè di aprire le porte dell´ex caserma non si parla proprio e non si conoscono ancora le determinazioni dell´amministrazione comunale che, scomparse le provincie, dovrebbe rilevare l´immobile, magari avendo un´idea chiara, non ancora pervenuta, del suo destino.