Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 810
MODICA - 28/07/2013
Attualità - La richiesta del M5S al sindaco per facilitare gli investimenti nel settore

Impianti fotovoltaici: snellire le pratiche burocratiche

Viene proposto che sia l’Ufficio tecnico comunale, in fase di istruzione della pratica per impianti fotovoltaici domestico o solari-termici, a richiedere l’obbligo di realizzare l’impianto integrato con una fascia di tegole intorno allo stesso

Snellire l´iter burocratico per realizzare gli impianti fotovoltaici nelle zone sottoposte a vincolo della Sopraintendenza. È la proposta del M5S che intende così dar voce a un problema sollevato da tecnici e aziende operanti nel settore delle energie alternative. Un problema, che, in un territorio sotto vincolo per il 75%, allunga i tempi di ammortamento dell´investimento per chi ha acquistato impianti fotovoltaici e si traduce in un ulteriore, intollerabile costo per le aziende.Il M5S propone che nel protocollo di intesa che il sindaco si accinge a rinnovare con la Soprintendenza ai Beni Culturali di Ragusa, si definisca una più snella procedura d´intervento. In pratica, viene proposto che sia direttamente l´Ufficio tecnico comunale, in fase di istruzione della pratica per impianti fotovoltaici domestico o solari-termici, a richiedere l´obbligo di realizzare l´impianto integrato con una fascia di tegole intorno allo stesso, così come richiesto dalla Sopraintendenza.

Attualmente, invece, i funzionari della soprintendenza verificano le pratiche contemporaneamente e indipendentemente dai tecnici del Comune, con una reduplicazione di controlli e un aggravio inutile di costi. La proposta consentirebbe di evitare il rimpallo della pratica da un ufficio all´altro, di ridurre i costi per i cittadini e per le imprese e di alleggerire il lavoro della Soprintendenza, oberata da centinaia di pratiche «inutili», estendendo anche agli impianti fotovoltaici domestici e aziendali fino a 20 kw, l´art. 48 del Piano Paesistico che prevede semplificazioni per le aziende agricole. L´attuale situazione rischia di disincentivare l´installazione di impianti a fonti rinnovabili, penalizzando un settore fondato sui valori dell´economia sostenibile e del rispetto per l´ambiente.