Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:51 - Lettori online 1132
MODICA - 22/07/2013
Attualità - La visita domenicale a Modica dell’assessore regionale al turismo

Stancheris candida Lampedusa a Nobel

La Stancheris non si è sottratta alle domande più attuali riguardanti appunto l’apertura dei casinò in Sicilia Foto Corrierediragusa.it

Michela Stancheris (foto) candida Lampedusa a Nobel per la Pace e vuole due casinò: uno a Taormina ed uno a Cefalù. La giornata dell´assessore regionale al turismo in provincia non è stata banale ma piena tra l´istituzionale, il culturale, con qualche concessione anche alla gastronomia iblea con il cioccolato modicano in cima alle preferenze. Da Modica a Scicli, puntata in collina a Chiaramonte ed in serata ad Ibla. Michela Stancheris non si è fatta mancare niente ed oggi è pronta per partecipare ai lavori della giunta regionale che si tiene nel capoluogo. Michela Stancheris non si è sottratta alle domande più attuali riguardanti appunto l´apertura dei casinò in Sicilia: "Dobbiamo smetterla con l’ipocrisia di dire che il gioco è rischioso e, quindi, osteggiare l´apertura dei casinò, quando permettiamo quotidianamente le slot, i gratta e vinci e gioco on line. In Sicilia non c´è nessun rischio.

Anzi reputo che siano un ottimo volano per il turismo delle località in questione, creando nuovo afflusso e facendo girare l’economia. Potrebbero essere Taormina e Cefalù, le due località idonee come sedi di casinò cioè le due località turistiche più forti della Sicilia orientale ed occidentale". Idee chiare e concrete anche per Lampedusa: "Il Nobel per la Pace sarebbe un atto dovuto nei confronti di un’isola sempre straordinariamente accogliente. E´ vergognoso quando qualcuno parla di freno dato al turismo, rappresentato dall’arrivo dei clandestini. Credo, invece, che l’integrazione possa favorire rapporti di partenariato, ad iniziare, ad esempio, dalla Tunisia".