Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 12:30 - Lettori online 789
MODICA - 13/07/2013
Attualità - Per il trasporto degli alunni della scuola dell’obbligo alzata la soglia dell’esenzione

Tarsu: a Modica sospese ingiunzioni di pagamento

Saranno gli uffici a verificare le singole posizioni

Le ingiunzioni per il pagamento della Tarsu sono state sospese e la soglia per godere delle esenzioni per il servizio di trasporto alunni è stata alzata. Due buone notizie per i cittadini che in questi giorni sono stati alle prese con cartelle e formulari e sono rimasti spiazzati dalle notifiche delle cartelle dai perentori inviti a chiarire le proprie posizioni tributarie. Ignazio Abbate ha preso atto della confusione che si stava determinando ed dato innanzitutto disposizione agli uffici di sospendere le ingiunzioni per il pagamento della Tarsu. In questi giorni infatti molti cittadini sono stati raggiunti a casa dalle notifiche e dall´invito a presentarsi presso gli uffici dell´ex palazzo Poste. Lunghe code si sono formate agli sportelli intasando il lavoro di questi giorni.

L´assessore alle Entrate Enzo Giannone ha subito chiarito: "La notifica delle raccomandate è stata generata da un equivoco tra l´ente e l´impresa che gestisce la destinazione dell´ingiunzione di pagamento" da qui la corsa allo sportello per i chiarimenti del caso fin quando il sindaco ha disposto che saranno gli uffici, e non i cittadini, a doversi preoccupare di verificare le singole posizioni ed eventualmente a chiamare in causa morosi o inadempienti. Altra decisione assunta dal sindaco è l´innalzamento della soglia di esenzione per usufruire gratuitamente del servizio scuolabus. La soglia è stata innalzata a 40 mila euro di reddito annuo. Si allarga così la fascia degli esenti visto che precedentemente la soglia andava da zero a seimila euro di reddito annuo e costringeva praticamente il 95 per cento dei cittadini a pagare il ticket.