Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:30 - Lettori online 1104
MODICA - 30/06/2013
Attualità - Il Miur non ha autorizzato la seconda classe presso il "Verga"

Solo una classe all´istituto musicale. Protesta genitori

Sono in tutto 44 ed hanno chiesto al dirigente scolastico Alberto Moltisanti di intervenire per sanare la situazione

Per una classe in più. Oltre quaranta genitori hanno sottoscritto una lettera aperta per chiedere l´istituzione di una seconda classe all´Istituto musicale. Sulla base dell´organico di diritto infatti il dirigente scolastico ha istituito solo una classe e potrà accogliere solo la metà degli alunni che ne hanno fatto richiesta. Gli studenti si sono sottoposti ad un test di ammissione e sulla base degli esiti la commissione ha stilato una graduatoria in base alla disponibilità offerte nelle varie sottosezioni degli strumenti musicali. Gli altri giovani dovranno invece pensare ad un corso alternativo visto che al corso musicale istituito presso l´istituto "Verga" non c´è posto per tutti.

Scrivono i genitori: "Siamo delusi e amareggiati, di 44 futuri musicisti. I nostri figli hanno tutti superato l´esame di ammissione al primo anno del Liceo Musicale ma solo una parte di loro potrà studiare e sognare, perché, per ragioni a noi sconosciute, il Liceo avvierà per l´anno scolastico 2013/14 una sola classe. Il Liceo Musicale non è conservatorio, ma un vero liceo dove i nostri figli possono studiare le materie di area comune (Storia, matematica, ed altre materie di indirizzo) le materie peculiari. Non è accettabile che, per ragioni che i ragazzi non possono capire, ma che sicuramente non sono di ordine musicale, moltissimi resteranno senza l´opportunità garantita dalla Costituzione di studiare ciò che veramente desiderano e ciò su cui hanno investito mesi o anni di applicazione e speranza".

I genitori hanno chiesto un incontro al dirigente scolastico, Alberto Moltisanti, per sollecitare ad intervenire e sanare quella he ritengono un´ingiustizia".