Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:18 - Lettori online 376
MODICA - 25/06/2013
Attualità - Iniziativa dell’ex sindaco di Modica Buscema

Un conto corrente per aiutare il ragazzo caduto dal tetto

Questo conto corrente di solidarietà, intestato alla madre del minorenne, la signora Rosalba Baglieri, con iban IT42 J071 OO84 4800 00000001 887

Un conto corrente per aiutare la famiglia di Stefano B. a sostenere le costose cure mediche al quale è sottoposto ogni giorno il 13enne modicano caduto lo scorso marzo dal tetto di un edificio scolastico in costruzione e il cui cantiere era fermo a mesi. E’ stata dell’ex sindaco Antonello Buscema l’idea di aprire questo conto corrente di solidarietà, intestato alla madre del minorenne, la signora Rosalba Baglieri, con iban IT42 J071 OO84 4800 00000001 887. Il giovane, dopo essere stato sottoposto ad un intervento chirurgico per la ricostruzione del bacino dopo il risveglio dal coma ed essere rimasto per parecchie settimane ricoverato nella rianimazione del «Garibaldi» di Catania, si trova adesso sotto costante monitoraggio in un centro specializzato di Rimini.

Il ragazzo, che sta registrando dei lievi ma continui miglioramenti, era già stato sottoposto a due operazioni chirurgiche: una per l’asportazione della milza, e l’altra per la rimozione di parte della teca cranica per consentire il riassorbimento dell’ematoma interno. Il giovane frequenta la terza classe della scuola «Poidomani». Proprio nell’edificio attiguo all’istituto comprensivo di via Sulsenti si era verificata la tragedia. Il 13enne era salito sul tetto per recuperare il pallone. La lastra di plexiglass sulla quale era incautamente passato il ragazzino non aveva però retto al suo peso, facendolo precipitare nel vuoto. Sulla vicenda stanno intanto proseguendo le indagini per accertare eventuali responsabilità.