Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:31 - Lettori online 1262
MODICA - 16/04/2008
Attualità - Modica - Gli operai hanno persino occupato l’aula consiliare

Eurochocolate con spazzatura?
Incombe lo sciopero netturbini

Si sta lavorando per scongiurare l’ipotesi, per ora tangibile Foto Corrierediragusa.it

Rischio immondizia per Eurochocolate. I dipendenti della Busso sono sul piede di guerra e minacciano lo sciopero ad oltranza per la manifestazione che parte la prossima settimana. Ieri i netturbini hanno persino occupato a sorpresa per un paio d´ore l´aula consiliare. « Confermiamo intanto lo sciopero di lunedì 21 ? dice Franco Notarnicola ? e diciamo a tutti che Eurochocolate è a rischio. Lo abbiamo detto al commissario Bologna ed ai suoi più stretti collaboratori. Gli operai vogliono essere pagati o si fermeranno la prossima settimana; non possono pagare loro per colpe altrui.

Reclamano il pagamento degli stipendi di cui non si hanno ancora certezze». Gli operatori ecologici sono riuniti da ieri nell’aula consiliare di palazzo S. Domenico per un sit in; insieme a loro i due rappresentanti della impresa, Giuseppe Busso e Rino Squadrito che hanno confermato la loro intenzione di non anticipare più somme per gli stipendi. « Siamo fuori di due milioni 700mila euro che il comune ci deve per anticipazioni degli stipendi; paghiamo dieci mila euro al mese di interessi alla banche per le scoperture. Diciamo basta, pagheremo gli operai quando il comune ci darà i soldi».

Ieri è stato un susseguirsi di incontri con il commissario Giovanni Bologna , con i funzionari dell’ufficio di ragioneria, con il capo di gabinetto. La firma del mandato di 135 mila euro per pagare la metà dello stipendio di febbraio è stata rinviata numerose volte accrescendo il nervosismo dei lavoratori che sono rimasti nei corridoi di palazzo S. Domenico tra tanta rabbia e molte incertezze anche perché c’è in ballo anche il pagamento dello stipendio di marzo per il quale servono 250mila euro al più presto. La situazione resta incandescente e tra qualche ora potrebbe aprirsi in modo clamoroso anche la vertenza dei comunali per i quali lo stipendio è stato annunciato da venerdì scorso senza alcun esito.

(Nella foto in alto gli operatori ecologici protestano pacificamente nei corridoi di palazzo San Domenico, sede del comune)