Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:41 - Lettori online 758
MODICA - 07/06/2013
Attualità - Saranno anche saldate alcune fatture alla ditta Puccia per il servizio di igiene urbana

Buscema paga gli stipendi: due ai comunali, tre alla SpM

Grazie ai 40 milioni di euro concessi dalla Cassa Depositi e Prestiti in virtù del decreto legge 35 a favore delle amministrazioni locali

Due stipendi per i dipendenti comunali e tre per i lavoratori della Servizi per Modica. Si allenta il peso di una situazione difficile che ha messo in moto scioperi, manifestazioni e sit-in. Proprio ieri hanno protestato nei corridoi di palazzo S. Domenico i 95 lavoratori della SpM in arretrato di cinque mensilità. I benefici del mutuo da quaranta milioni di euro concessi dalla Cassa Depositi e Prestiti in virtù del decreto legge 35 a favore delle amministrazioni locali ha consentito al sindaco di procedere con i mandati di pagamento visto che con la prima tranche della somma già accreditata al comune, poco più di venti milioni di euro, si potranno pagare i creditori dell’ente e quindi utilizzare le altre somme introitate grazie ai tributi locali tutte a favore del personale e dell’ordinaria amministrazione.

I dipendenti comunali vantano tre mensilità arretrate essendo stati pagati fino a febbraio. Il primo stipendio sarà pagato venerdì ed il secondo nei primi giorni della prossima settimana. Tamponata anche la situazione venutasi a creare alla servizi per Modica. I dipendenti riceveranno infatti tre delle mensilità arretrate ed in particolare i mesi di gennaio, febbraio e marzo. Il sindaco ha firmato ieri i mandati di pagamento e non appena la banca riceverà i mandati i pagamenti saranno effettuati. Il sindaco ha anche firmato un terzo mandato che riguarda la ditta Puccia, che gestisce il servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti solidi urbani. Grazie alle somme che l’impresa incamererà sarà possibile infatti pagare almeno un paio di mensilità ai lavoratori. Nei prossimi giorni l’amministrazione conta anche di pagare alcune fatture pregresse alle cooperative sociali che sono addirittura in arretrato di dieci mesi.

Dice Antonello Buscema: «La Cassa depositi e Prestiti ha già erogato la metà del prestito concesso ed ha garantito che la seconda metà sarà erogata a febbraio del prossimo anno. La disponibilità di queste somme ci consentirà di saldare alcuni nostri debitori. Gli uffici, così come impone il decreto legge, seguiranno uno stretto ordine cronologico nel pagamento delle fatture. In questi giorni il personale sta completando l’elenco dei creditori che saranno contattai personalmente per definire le modalità di pagamento».