Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:51 - Lettori online 433
MODICA - 23/05/2013
Attualità - Visita ai detenuti della casa circondariale di Piano del Gesù

Progetto "dignità umana e carcere" per studenti del Tima

L’incontro con i detenuti si è svolto nell’arco di un’intera mattinata ed ha riguardato l’organizzazione di laboratori e varie attività pratiche Foto Corrierediragusa.it

Gli studenti dell’ultima classe del corso professionale Tima hanno preso parte al progetto «Dignità umana e carcere». Il progetto, avviato dalla docente di Religione, Eleonora Fede Rinzivillo, ha avuto due momenti. Il primo con approfondimento in classe delle tematiche legate alla libertà, ai diritti civili, alla responsabilità del cittadino ed il secondo con una visita ai detenuti presso la casa circondariale di Piano del Gesù a Modica Alta.

Il gruppo del Tima è stato accolto dalla direttrice della casa, Giovanna Maltese, e dall’insegnante presso la struttura carceraria. L’incontro con i detenuti si è svolto nell’arco di un’intera mattinata ed ha riguardato l’organizzazione di laboratori e varie attività pratiche. In particolare il trattamento e l’utilizzo di materiali come il legno, la plastica, la carta ed il rame per realizzare prodotti utili e di abbellimento. I sedici detenuti coinvolti, di cui alcuni molto giovani, sono stati molto interessati ed hanno seguito con molta attenzione il lavoro di preparazione contribuendo anche loro alla realizzazione dei manufatti.

Dice l’insegnante Eleonora Fede: «L’attività è stata molto formativa sia per i nostri studenti sia per i detenuti. E’ stato importante nella fase di rieducazione e di recupero dei detenuti che hanno acquisito alcune capacità specifiche grazie al confronto ed alle spiegazioni degli studenti». Questi gli alunni (nella foto) partecipanti al progetto: Ivano Stracquadanio, Giuseppe Vindigni, Adriano Di Martino, Francesco Garofalo, Marco D’Amico Valerio Cappello, Nicoletta Arturia.