Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 20:53 - Lettori online 1255
MODICA - 22/05/2013
Attualità - Il neo organismo si dà un assetto

Tesoro, mi si è allargato il consorzio turistico!

Entro la settimana i soci fondatori costituiranno formalmente davanti al notaio l’organismo

Il consorzio turistico si allarga e si dà un assetto. Entro la settimana i soci fondatori costituiranno formalmente davanti al notaio l’organismo che dovrà indirizzare dal punto di vista gestionale ed organizzativo le attività turistiche sul territorio. L’assemblea costituente è servita ad eleggere i nove componenti del Consorzio. Successivamente i nove componenti eleggeranno il presidente, il suo vice, il segretario ed il tesoriere. Questi gli eletti dall’assemblea che conta su 35 soci fondatori. Per gli albergatori sono stati eletti Paolo Failla, Pietro Spadola e Antonio Nuccio; per i BB Anselmo Minutoli e Francesco Frasca Polara; per i ristoratori Carmelo Muriana, per le associazioni, Simona Todaro, per il mondo scolastico e professionale il rappresentante legale dell’istituto Principi Grimaldi; il sindaco o un suo delegato fa parte di diritto dell’organismo. L’amministrazione, così come recita lo statuto, si riserva anche di nominare il direttore generale del consorzio turistico per le attività di controllo e di gestione. Il consorzio avrà una solida base economica perché potrà contare sui proventi della tassa di soggiorno che dal primo giugno sarà versata da ogni persona che pernotterà in una delle strutture ricettive della città.

La tassa è di un euro per i BB, case vacanza ed alberghi ad una e due stelle; 1,50 € invece per gli alberghi di tre e quattro stelle. Secondo un calcolo approssimativo il consorzio prevede di incassare nell’arco di un anno tra i 200 ed i 300 mila euro a seconda dei flussi turistici, più o meno intensi, che arriveranno in città. Si tratta di una somma importante che per il 90 per cento arriverà nella casse dell’organismo che è chiamato, istituzionalmente, a programmare attività di promozione, di organizzazione e di gestione delle politiche turistiche. Il primo obiettivo del consorzio è quello di intervenire in tempi ristretti sul mercato per promuovere l’immagine e l’offerta della città in modo da far breccia in modo più diffuso possbile tra i tour operator, grazie anche alle possibilità offerte dall’apertura dellaeroporto di Comiso. Da questo punto di vista i consorziati pensano già ad un pacchetto di offerte promozionali per soggiorni di medio e lungo periodo. L’idea del consorzio è nata da un gruppo di operatori turistici ed albergatori che hanno lanciato l’idea ed hanno raccolto attorno a sé consensi e numeri tanto da passare da una venti promotori a 35 soci fondatori con la possibilità in futuro di allargare la base con altri soci ordinari.