Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 18:26 - Lettori online 852
MODICA - 11/05/2013
Attualità - Seconda taappa del progetto europeo in collaborazione con la cooperativa Quetzal

Trenta giovani di 4 stati a scuola di cioccolato

Sono stati ricevuti a palazzo S. Domenico dal sindaco Antonello Buscema Foto Corrierediragusa.it

Diciotto ragazze e dodici ragazzi provenienti dall’Italia, dal Costa Rica, dalla Repubblica Ceca e dal Togo partecipano alla seconda tappa del progetto europeo Fysic-Youth Action. I giovani sono stati ricevuti dal sindaco nell’aula consiliare di palazzo S. Domenico insieme ad alcuni rappresentanti della cooperativa Quetzal (nella foto) che ha fornito conoscenze, esperienza e logistica al gruppo.

I giovani partecipanti al progetto hanno infatti approfondito le varie fasi della lavorazione del cioccolato, le tematiche del commercio equo e solidale inserite nel più ampio contesto del circuito mondiale dell’organizzazione. Spiega Sara Ongaro della cooperativa Quetzal: «Dopo tantissimi anni nostro laboratorio si è dato vita al processo di trasformazione dai semi di cacao alla massa di cacao attraverso tutte le fasi della lavorazione. Soprattutto i giovani del Costa Rica sono rimasti entusiasti di questa esperienza».

A nome di tutti ha espresso la sua soddisfazione per essere a Modica Emilienne Amatchia N’Douba giovane studentessa di Grand-Bassam, città dell’Heritage List Unesco, in Costa Rica, uno dei maggiori paesi produttori di cacao al mondo, che ha espresso il desiderio di un gemellaggio, un rapporto di fratellanza fondata sui valori dell’Unesco e sul prodotto tipico della città: il cioccolato di Modica. Emilienne ha fatto dono al Sindaco di una fava di cacao come gesto di solidarietà per un percorso condiviso». I giovani sono stati coinvolti in incontri con associazioni e cooperative operanti nel territorio per meglio capire la realtà sociale in cui opera la Quetzal.