Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 20:40 - Lettori online 1379
MODICA - 28/04/2013
Attualità - I fatti del 10 luglio del 1943 nella relazione di Leonardo Salvaggio

Rievocata l´operazione Husky sulle coste siciliane

L’iniziativa del Centro Studi sulla Contea di Modica nella sede di palazzo De Leva

Il Centro Studi sulla Contea di Modica continua il suo programma di iniziative culturali ed ha ospitato nella sede di palazzo De Leva lo scrittore Leonardo Salvaggio, cui il presidente del Centro Studi, Paolo Failla, ha dato il benvenuto. «Sicilia- quell’estate del ‘43» è stato il tema della conversazione dell’autore dell’omonima pubblicazione che verte sui giorni dell’operazione Husky di cui quest’anno si celebra il 70mo anniversario.

Si tratta di un corposo volume nel quale Leonardo Salvaggio, ingegnere industriale di professione e ricercatore storico per passione, ha condensato grazie ad una gran mole di documenti, i giorni cruciali dello sbarco in Sicilia. Lo sbarco del 10 luglio interessò le spiagge siciliane da Licata a Marzamemi con truppe aeronavali inglesi ed americane che presero possesso dell’isola prima di risalire lo Stivale. Leonardo Salvaggio ha arricchito la sua storia con aneddoti raccolti grazie alle testimonianze degli abitanti ed ha presentato un filmato molto esplicativo dello sbarco prodotto dall’Imperiale War Museum di Londra e dall’Istituto Luce di Roma.

L’operazione Husky vide le truppe canadesi sbarcare sulle spiagge del basso siracusano, ha ricordato il relatore, ed arrivare ad Ispica, Modica e Ragusa. Salvaggio si è poi soffermato sul ruolo assunto dai clan mafiosi nella Sicilia occidentale; questi, nella visione del relatore, si fecero garanti davanti agli americani per il mantenimento dell’ordine e del controllo del territorio grazie al proprio radicamento nella realtà sociale dell’isola.