Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 356
MODICA - 23/04/2013
Attualità - I sindacati chiedono un incontro all’amministrazione comunale

A Modica dipendenti comunali senza stipendio da 3 mesi

Dicono Cgil, Cisl ed Uil: "Siamo nel silenzio più assordante e registriamo una disinvoltura disarmante. Non si può vivere accreditando uno stipendio ogni tre mesi»

Notizie non pervenute sugli stipendi ed il sindacato è preoccupato. Le segreterie aziendali di Cgil, Cisl ed Uil non riescono a stabilire un contatto con il sindaco e l’assessore al Bilancio riguardo al pagamento degli stipendi dei comunali. Sono ormai tre mensilità che si aggiungono alle somme dovute per servizi accessori, come straordinario, reperibilità indennità di rischio e di specifica responsabilità. Si tratta dunque di somme importanti per le famiglie soprattutto quando ci sono casi, e non sono pochi che entrambi i coniugi siano dipendenti dell’ente. Dicono i rappresentanti sindacali: «Siamo nel silenzio più assordante e registriamo una disinvoltura disarmante. Non si può vivere accreditando uno stipendio ogni tre mesi».

I sindacati hanno chiesto al sindaco ed all’assessore al Bilancio un incontro urgente per capire lo stato delle finanze dell’ente e soprattutto essere informati sull’attuale situazione economica a palazzo S. Domenico. Dice ancora il sindacato: «I dipendenti comunali e le loro famiglie sono allo stremo e senza alcuna prospettiva di uscire fuori da una crisi non più sopportabile e sostenibile». L’amministrazione da parte sua non può contare ancora sui trasferimenti dovuti da Stato e Regione e non riesce a far fronte alle varie esigenze con la liquidità che introita attraverso i tributi comunali. Il clima preelettorale, inoltre, non aiuta, visto che la tensione a palazzo S. Domenico si è allentata e si guarda ormai all’appuntamento di fine maggio.